Foggia, Stroppa: "Prima salviamoci, poi vedremo cosa accadrà"

Serie B
stroppa_foggia

L'allenatore rossonero, fresco vincitore del premio "Panchina d'oro" per la stagione 2016/17, ha presentato in conferenza la partita contro la Pro Vercelli: "Una squadra organizzata, ma noi dobbiamo vincere. Turnover? Niente esperimenti"

SERIE B, CALENDARIO E ORARI 33^ GIORNATA

SERIE B, RISULTATI E CLASSIFICA

Una vittoria che avvicinerebbe il Foggia alla fatidica quota salvezza di 50 punti: la squadra rossonera cerca il riscatto dopo la sconfitta contro il Parma e attende allo "Zaccheria" la Pro Vercelli nel turno infrasettimanale valido per la 33^ giornata del campionato di B. Giovanni Stroppa, reduce dalla vittoria della Panchina d'oro per la stagione 2016/17, ha anticipato i temi del match nella conferenza stampa di vigilia: "Affrontiamo una diretta concorrente, una squadra organizzata contro cui dobbiamo vincere. La Pro gioca a viso aperto, cambia spesso formazione ma mai modulo o atteggiamento. Il clima in spogliatoio? Perfetto - continua Stroppa - non c'è nessun condizionamento negativo nella testa dei giocatori. Pensiamo solo al campo, siamo nelle condizioni migliori giocare per esprimerci". Stroppa parla poi delle possibili novità di formazione: "Ho delle idee, ma preferisco tenermele dentro. Turnover? Non possiamo fare troppi esperimenti, scelgo semplicemente i giocatori più pronti. Ramè? All'inizio ha avuto difficoltà, ho cercato di preservarlo per evitare per non fargli prendere delle bocciature: lo tengo comunque in considerazione".

"Salviamoci, poi si vedrà..."

Stroppa ha poi proseguito la conferenza stampa parlando degli obiettivi a medio termine della squadra e del gruppo che si è trovato ad allenare: "Resto concreto, una vittoria col Parma ci avrebbe permesso di volare ma ad oggi dobbiamo pensare a raggiungere i 50 punti. Questo è il nostro obiettivo e vogliamo raggiungerlo il prima possibile, poi una volta salvi vedremo cosa accadrà. La qualità del gioco non coincide con i punti in classifica? Sì, brucia non essere in alto pur giocando bene. Ma significa che stiamo facendo un buon lavoro". Che però, secondo l'allenatore rossonero, può essere migliorato: "Abbiamo ampi margini di miglioramento. Questo gruppo è composto da giocatori importanti, senza di loro non si va da nessuna parte. Dobbiamo solo correggere gli errori e avere più attenzione nei dettagli a partire da domani, una partita nella quale ci giochiamo tanto".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche