Brescia, Suazo si presenta: "Allenare qui è una grande sfida, sono orgoglioso. Pensiamo alla Serie A"

Serie B
suazo_cellino_brescia_twitter

L’ex attaccante di Cagliari e Inter si è presentato ufficialmente come nuovo allenatore biancazzurro: "Sono emozionato – ha detto in conferenza stampa -, ma la responsabilità non mi spaventa. Vogliamo la A, a Cellino devo tutto"

CALCIOMERCATO LIVE, TUTTE LE NEWS IN DIRETTA

Una nuova, stimolante avventura al via. Smessi i panni di calciatore, per David Suazo è tempo di mettersi alla prova per la prima volta con una panchina di una squadra professionista. Dopo gli inizi alla guida delle giovanili del Cagliari, l’ex attaccante rossoblu è adesso il nuovo allenatore del Brescia. Una scelta precisa del presidente Massimo Cellino, che ha deciso di affidarsi a quello che in passato è stato un suo calciatore per provare l’assalto alla Serie A.

La responsabilità non mi spaventa

Tanta emozione per Suazo, che si è presentato ufficialmente in conferenza stampa e ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da allenatore del Brescia. "Allenare una squadra come il Brescia è una grande emozione e non lo nascondo – ha ammesso Suazo -, inoltre avere questa opportunità è un motivo di grande orgoglio, per questo vorrei ringraziare il Presidente Cellino, al quale devo tutto, il direttore Marroccu e tutta la società. Questa è una grande sfida, ma la responsabilità non mi spaventa. Ho voglia di fare e lavorare al massimo per una piazza come Brescia, che merita davvero tanto. Gli obiettivi? La città ci chiede di fare bene e giocare un calcio propositivo, questa è anche la nostra volontà. Chiaramente vogliamo arrivare a conquistare la Serie A, però bisogna tenere presente che questo è un anno di costruzione. In ogni caso sono entusiasta e anche intorno a me c’è un entusiasmo contagioso".

Cellino: "Suazo ha tutte le qualità per fare bene"

Felice della scelta anche il presidente Massimo Cellino, che ha voluto con forza il suo ex attaccante in panchina. "La scelta è ricaduta su Suazo – ha spiegato il numero uno del Brescia – perché ha tutte le caratteristiche e le qualità per poter fare bene l’allenatore, è stato un nostro calciatore e lo conosciamo. Nella passata stagione mi sono trovato a subire una squadra che non avevo costruito io, guidata da un allenatore che non era una mia scelta. Adesso è tutto diverso e da ora in poi la responsabilità è tutta nostra".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.