Palermo, il saluto di Zamparini: "Mi sento vedovo. Rientrare nel calcio? Mai dire mai"

Serie B

L'ex presidente rosanero saluta dopo la cessione del club alla Futures Sports & Entertainment: "Il ricordo più bello? Uno striscione esposto nel primo Milan-Palermo di Serie A. Era scritto in siciliano e diceva: Sono qui, mi sembra impossibile".

SERIE B, PALERMO CEDUTO PER 10 EURO

SERIE B, PALERMO: LE PRECISAZIONI SULLA CESSIONE DEL CLUB

PALERMO AGLI INGLESI, PLATT CONSULENTE TECNICO

La cessione a un prezzo simbolico, 10 euro, alla società londinese, la Global Futures Sports & Entertainment di Clive Richardson, azienda a conduzione tecnologica fondata nel 2002, è già storia. Maurizio Zamparini ha lasciato la presidenza del Palermo dopo 16 anni, fatti di 13 campionati di Serie A, tre stagioni in Serie B e alcune apparizioni in Coppa UEFA ed Europa League. A dare il saluto alla piazza siciliana, attraverso i microfoni di Pop Economy TV, piattaforma multicanale del gruppo Alma Media, è lo stesso imprenditore friulano: “Ci si sente come un vedovo: io Palermo l'ho sposata per tanti anni, per cui non può capire come ci si sente – sono le sue parole - la piazza di Palermo non solo è affascinante, è anche una delle poche piazze dove si potrà fare calcio a livello mondiale. Ci sono cinque o dieci milioni all'estero che tifano Palermo”. Con il club rosanero, è stata ceduta anche la società Mepal, proprietaria del marchio, che dovrà rispettare l'impegno al pagamento a saldo del credito residuo del Palermo di 22,8 milioni di euro. Nella video-intervista, accanto a Zamparini, c'è anche il CEO della società acquirente Clive Richardson, per il quale l'ex presidente del club siciliano ha espresso parole al miele: “Sono persone che mi hanno aiutato a uscire bene dal Palermo, mi hanno permesso di fare l'ultimo regalo alla città, dare il Palermo in mano a persone sicure, serie, con le possibilità economiche di fare un grande progetto – è la certezza di Zamparini - ringrazio Clive che fa parte del gruppo acquirente che è a capo di un grosso gruppo inglese. Consigli per loro? Il calcio inglese è primo nel mondo, è diventato migliore di quello italiano perché è più organizzato. Che consigli posso dare?”.

Palermo, Zamparini saluta dopo 16 anni ma non chiude le porte al calcio

Il tempo dei saluti è anche quello dei ricordi: “L'immagine alla quale sono più affezionato – spiega Zamparini – è lo striscione esposto dai nostri tifosi durante un Milan-Palermo al primo anno di Serie A (stagione 2004-2005, ndr). C'era scritto: Qui sono? Sembra impossibile. Ma in siciliano, non sono in grado di ripeterlo con la pronuncia corretta”. Toni, Pastore, Cavani, Dybala, Barzagli: sono solo alcuni dei campioni passati per Palermo nella gestione Zamparini. Alla base dell'addio ci sono un rapporto deteriorato con la piazza e anche la stanchezza: “Io cercavo acquirenti perché sono stanco, ho 77 anni e la piazza è stanca di me. Ci si stanca di una moglie dopo sette anni, figurarsi di una gestione societaria nel calcio – ha scherzato Zamparini - probabilmente erano stanchi anche di me. Di opzioni serie non se ne sono presentate tante”. Un'abitudine resisterà però nel tempo: non assisterà alle partite del Palermo allo stadio. “Non ci andavo prima e non ci andrò neanche adesso. Non riesco a sopportare la partita fisicamente ed emotivamente. Sarò sempre tifoso del Palermo, ma le partite le vedrò sempre registrate. Se poi qualche giornalista vuole divertirsi a sentire il mio parere, glielo dirò”. Occhio, però, a pensare che per l'imprenditore originario di Sevegliano l'esperienza nel calcio, avviata con il Pordenone nel 1987 e passata per il Venezia prima di approdare in Sicilia, possa dirsi definitivamente conclusa: “Una delle cose che Palermo e questo sport mi hanno regalato è di sentirmi ancora molto giovane – sorride - se mi stufo di stare fuori dal mondo del calcio, chi sa mai, posso anche rientrarci..."

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche