Galliani: "Monza in Serie A? Vado a piedi dal Brianteo a San Siro"

Serie B

La promessa di Galliani: "Punteremo da subito alla Serie A, sono pronto a tutto: se questo avverrà, andrò a piedi dal Brianteo fino a San Siro". Sulla ripartenza del calcio aggiunge: "Merito di Gravina, ora riportiamo i tifosi negli stadi"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Il Consiglio Federale ha ufficializzato la promozione in Serie B del Monza, primo nel girone A di Serie C dopo una stagione dominata. Silvio Berlusconi e Adriano Galliani sono ora già proiettati alla prossima stagione e il sogno è quello di portare questa squadra per la prima volta nella storia in Serie A. "Faremo crescere il Monza molto velocemente e il presidente lo ha già annunciato: proveremo a ottenere la promozione già dal prossimo anno – le parole di Galliani a Radio Anch'io lo sport, su RadioRai – Per andare in Serie A farei qualsiasi cosa, visto che sono nato a Monza e sono un grande tifoso di questa squadra. Sono pronto a fare qualsiasi tipo di fioretto in caso di promozione e prometto che, se questo avverrà, farò una passeggiata dal Brianteo e San Siro. Il salto di categoria è l'obiettivo che ha dato Berlusconi all'inizio di questa stagione. Prima che iniziasse ha detto ai giocatori che chi ci crede supera gli ostacoli e vince. Storicamente tra Monza e Milan ci sono sempre stati molti rapporti, però io quando esco da una società non parlo più di ciò che succede in quella realtà. Sono un tifoso rossonero e guardo ogni partita, ma non ne parlo".

"Calcio ripartito grazie a Gravina, ora i tifosi allo stadio"

Un primo passo importante per il calcio italiano è stata la ripartenza: "Se ciò è avvenuto lo dobbiamo soprattutto alla determinazione di Gabriele Gravina – prosegue – In Francia sono stati troppo frettolosi a chiudere e hanno creato danni ingenti. Riforma Lega? Anche la Premier League non la vedo così autonoma, anzi: qualsiasi decisione venga presa deve poi essere ratificata da altri. La Lega di Serie A lo è sul piano formale, ma non su quello sostanziale perché dipende troppo dalla Federazione. Ma non voglio aggiungere altro". Il prossimo passo è quello di riportare i tifosi allo stadio: "Spero possa accadere già a luglio, con capienze ridotte ovviamente. Ma non vedo perché ciò non debba accadere visto che riapriranno anche cinema e teatri. Il mondo del calcio deve provare ad avere i tifosi, almeno in parte, prima di settembre". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche