Calciomercato, il Napoli incontra Berardi: idea per il futuro

CalcioMercato

Il direttore sportivo Giuntoli incontrerà l’agente dell’esterno offensivo del Sassuolo: al momento si tratta soltanto di un'idea per il futuro, ma il classe 1994 piace tantissimo all’allenatore azzurro Maurizio Sarri

Calciomercato L'Originale in diretta su Sky Sport 3 alle 23  

TUTTE LE TRATTATIVE DI OGGI

Un calciomercato pronto a entrare nel vivo, dopo l’ufficialità dell’acquisto di Ounas – il primo rinforzo in vista della prossima stagione – il Napoli continua a lavorare per aumentare il tasso qualitativo della rosa a disposizione di Maurizio Sarri. E se per il presente il nome di Alex Berenguer, esterno offensivo classe 1995 dell’Osasuna (su cui c’è da registrare anche l’interesse di Torino e Fiorentina), è sempre in cima alla lista dei desideri di Giuntoli, il direttore sportivo del Napoli pensa anche al futuro. Quest’oggi infatti è in programma un incontro con il procuratore di Domenico Berardi, esterno offensivo classe 1994 di proprietà del Sassuolo: un profilo che piace tantissimo a Sarri, che ha chiesto al club azzurro di rimanere informato sui movimenti di mercato che riguardano il calciatore. E Napoli che potrebbe pensare di dare l’assalto a Berardi nell’estate del 2018 o, addirittura, provare a bloccarlo adesso: un’idea per il futuro, al momento niente più, ma il giocatore piace molto e il Napoli continuerà a monitorarlo con attenzione.

Ufficiale Ounas, ecco chi è il nuovo acquisto del Napoli

Primo acquisto dell’estate di calciomercato azzurro che risponde al nome di Ounas. "Il Napoli ha ufficializzato l'acquisto di Adam Ounas a titolo definitivo dal Bordeaux. Questo il messaggio del Presidente De Laurentiis attraverso il suo profilo twitter: "Benvenuto a Napoli Adam!", si legge nella nota pubblicata dalla società azzurra. Ounas è sinistro naturale ma usa discretamente anche l’altro piede, in Ligue 1 è stato schierato prevalentemente a destra, per favorirne il movimento a convergere verso il centro. E’ un esterno dal baricentro basso, alto poco più di un metro e settanta, sfuggente e rapidissimo, sia nel dribbling che nella progressione. Ha un’enorme padronanza tecnica, che gli permette di esibirsi in giocate spettacolari ai danni degli avversari, spesso costretti al fallo per frenarne l’impeto. Tuttavia, di frequente esagera, preferendo concludere anche in condizioni precarie piuttosto che dare continuità al contropiede creato grazie alla sua rapidità. Per Sarri potrà essere un ricambio per Insigne e Callejon, ma soltanto quando il francese avrà più dimestichezza con il lavoro difensivo: i due esterni titolari del Napoli, infatti, sono gli attaccanti col maggior numero di palloni recuperati nella scorsa stagione in Serie A.

I più letti