Calciomercato Napoli, voglia di Politano: così nasce il "Folletto" di Roma

Calciomercato

Dai campi di provincia alla Roma, grazie a Bruno Conti. La Primavera giallorossa, poi la partenza: Perugia, Pescara, Sassuolo. La storia della nascita e della crescita di Matteo Politano, uno degli obiettivi del mercato del Napoli

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Quella di Politano è la storia della lenta consacrazione di un talento precocissimo. La storia di un ragazzo catapultato dai campi di provincia alla Roma all’età di 11 anni e cresciuto con costanza, lungo un percorso tutt’altro che semplice. Fino a diventare una vera e propria colonna lontano da casa, al Sassuolo. E - ancor di più - a finire sotto la lente di ingrandimento della capolista della Serie A: il Napoli. Maurizio Sarri lo vorrebbe in azzurro, dopo aver incassato il pesante no di Simone Verdi. In queste ore ci sarà un incontro, probabilmente già decisivo: la società neroverde non si smuove, la dirigenza partenopea proverà a forzare, offrendo 20 milioni di euro più il prestito secco fino a giugno di Maksimovic. Lui, Politano, ha già deciso che Napoli può essere il suo futuro. Ed è pronto al salto decisivo.

Le origini del “Folletto”

La nascita calcistica di Politano è quella di un talento passato dai campi più umili della provincia romana direttamente a un settore giovanile di altissimo spessore: quello della Roma. A fare capo al team di talent scout che lo scelsero all’età di 11 anni un’altra ala mancina, un uomo che ha fatto la storia del club giallorosso: Bruno Conti. Il suo impatto con la squadra da sempre tifata è notevole: subito un campionato Allievi vinto, prestazioni degne di nota e una via verso la prima squadra che sembra tracciata. Una pecca fisica, probabilmente, ha frenato la sua rapida evoluzione: crescendo, Politano viene sempre più spesso accantonato in favore di interpreti con una fisicità maggiore, ritenuti più pronti. Un “Folletto”, Matteo, che alla Roma paga dazio. E a 18 anni è già ora di partire.

“Vista” sui grandi

Dalla maggiore età, Politano è un giocatore che ha vissuto - e anche oggi continua a farlo, sebbene il Sassuolo abbia acquisito una precisa identità - ai margini dei grandi palcoscenici, lontano dalla grande città. La sua prima avventura lontano da Roma al Perugia, arrivata dopo una buona stagione in Primavera. Serie C che gli permette subito di esaltare le sue qualità: 8 i gol alla prima (e unica) stagione in Umbria, nel 2012-2013. Standard mantenuto anche nei due anni successivo, in Serie B: 11 gol e 8 assist nel dal 2013 al 2015 con il Pescara, anno che segna anche la prima convocazione nella Nazionale U21. Politano è pronto a esplodere ma non alla Roma, che decide allora di cederlo definitivamente al Sassuolo. Nuova stagione, nuova categoria: è i neroverde che il classe 1993 comincia a mostrare la sua competitività anche tra i grandi.

La A, l’Europa… Il Napoli?

I tre anni a Reggio Emilia sono stati finora ricchi di grandi soddisfazioni per Politano. Non solo una continua e crescente considerazione da parte dei suoi allenatori - da Di Francesco, che lo ha voluto e lanciato tra i grandi, a Iachini, che considera oggi l’arma in più della sua squadra - ma anche una maturazione tecnica e tattica invidiabile. Grazie a una piazza che non mette troppa pressione e grazie anche a esperienza a dir poco formative, come l’Europa League. Politano, da “Folletto” che era, ha affinato il suo stile di gioco, diventando temibile per le difese avversarie. Un mancino sulla fascia destra: Matteo, uomo di contropiede e di dribbling, non è mai cambiato. Ma il Napoli, oggi, vuole cambiare la sua carriera, trasformandolo da talento di provincia a uomo da Scudetto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche