Calciomercato, Inter: "Icardi vuole restare, ma siamo pronti a tutto. Champions la Disney del calcio"

CalcioMercato

L'allenatore nerazzurro sul futuro di Icardi: "Vuole restare, ma ci sono club che se volessero portarlo via potrebbero farlo. È un grande capitano: è anche andato a prendere Lautaro Martinez in aeroporto". Sulla Champions: "Vogliamo giocarla da protagonisti, ma servirà la giusta mentalità"

INTER, SPALLETTI INSISTE: VUOLE NAINGGOLAN

THIAGO CONSIGLIA RAFINHA: "PERCHÈ CAMBIARE?"

La testa dell’Inter è proiettata alla prossima stagione, quando finalmente i nerazzurri potranno riabbracciare una competizione gloriosa come la Champions League. Per Luciano Spalletti non è ancora tempo di vacanze: c’è da progettare il futuro della squadra, operazione che deve cominciare dalla certezza della permanenza di Mauro Icardi: “Con Icardi ho parlato diverse volte: manda segnali ben precisi, non è mai dubbioso quando ci discuti - ha spiegato l’allenatore toscano in esclusiva a Sky Sport - Mauro nell’Inter ci sta bene e ci vuole rimanere, poi però ci sono dei club che se decidono di portarti via un giocatore possono farlo. Tu magari fino al giorno prima sei inflessibile, poi sei per forza trascinato. E magari sei anche contento di andare con loro. Bisogna essere pronti a tutto, però per il momento non ci sono segnali né dubbi su quella che sia la volontà di Icardi. Il fatto che sia andato all’aeroporto a prendere Lautaro Martinez la dice tutta sul rispetto che ha verso i suoi compagni. E questo è il motivo per cui lui veste la fascia di capitano”.

"Champions la Disney del calcio, vogliamo essere protagonisti"

2018-2019 vorrà dire per l’Inter soprattutto Champions League: “Ogni volta che vedo una partita di Champions mi rendo conto che è la competizione più esclusiva del mondo - ha continuato Luciano Spalletti - Mi piace vederla in televisione, mi piace parlarne e mi piace soprattutto viverla di persona. In quel contesto, con tutti quegli effetti speciali… è come fosse la Disney del calcio. Per ogni calciatore la Champions è un sogno che diventa realtà. Se mi sento carico? Sono un visitatore, non un personaggio: la festa della Champions vorrei vederla tutta. Allora andremo lì dentro per cercare di avere subito la giusta mentalità, perchè carattere e personalità possono fare la differenza. E se non sei abituato una competizione così importante può giocare dei brutti scherzi, come si è visto in finale con il Liverpool”, ha concluso.

I più letti