Calciomercato, Conte potrebbe chiedere i danni al Chelsea per le tempistiche dell'esonero

Calciomercato
conte_getty

Secondo quanto riporta il Times, l'ex allenatore dei blues potrebbe chiedere i danni al club e portarlo in tribunale, per il ritardo con il quale gli è stata comunicata la decisione dell'esonero

CHELSEA, UFFICIALE IL DIVORZIO CON CONTE

MERCATO LIVE: TUTTE LE NEWS IN DIRETTA - IL TABELLONE

Dopo due anni, altrettanti trofei e una separazione non priva di incomprensioni e tensione, potrebbe finire in tribunale la storia tra il Chelsea e Antonio Conte. Secondo quanto riportato dal Times, infatti, l'ex allenatore di Juventus e Nazionale avrebbe deciso di ricorrere alle vie legali per il ritardo con il quale gli è stata comunicata da parte del Chelsea la risoluzione del contratto. Conte, sempre stando a quanto scrivono in Inghilterra, chiederebbe dunque non solo la parte di stipendio che avrebbe dovuto percepire fino al termine del contratto, ma anche i danni per la situazione venutasi a creare successivamente alla risoluzione contrattuale, cioè l'impossibilità di trovare una nuova squadra visti i tempi.

Chelsea-Conte, un divorzio lungo e complesso

L'eventualità di un possibile risvolto legale della questione era ipotizzabile da qualche settimana: Conte era stato esonerato lo scorso 13 luglio, con un freddo comunicato stampa da parte del Chelsea. Ma a dispetto dell'augurio finale di rito, la storia di questo divorzio era stata lunga e complessa. Conte infatti aveva persino cominciato la stagione, sebbene tutti sapessero che sarebbe stato destituito nel giro di pochi giorni. Ma tra lui e il club i rapporti erano tesi già da parecchio: il Chelsea dal canto suo potrebbe contestare a Conte alcuni comportamenti non apprezzati dalla dirigenza e da Abramovich – come ad esempio la gestione del caso Diego Costa – ma anche Conte è forte di una clausola, una sorta di penale della quale aveva preteso l’inserimento in sede di rinnovo del contratto. Una clausola che prevedeva che, in caso di esonero, a Conte sarebbe stata riconosciuta una cifra addirittura superiore a quella dello stipendio e che lo avrebbe liberato da ogni vincolo contrattuale. La società inglese però, alla luce dei comportamenti che contesta a Conte, potrebbe rivendicare il licenziamento per giusta causa, ritenendo che non sussistano più i termini per riconoscere quella somma all’ex Ct dell’Italia.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.