Robinho: "Milan? Fu Ibrahimovic a volermi. Non andai al Chelsea per via delle maglie stampate in anticipo"

Calciomercato
robinho_ibra_milan_getty

L'attaccante brasiliano si racconta ai suoi tifosi e svela qualche retroscena di mercato: "Zlatan consigliò a Galliani di comprarmi. Dopo il Real dovevo andare al Chelsea, ma il club si arrabbiò a causa delle magliette stampate in anticipo dai Blues. Così andai al City"

MONZA, GALLIANI SVELA I MOTIVI DELL'ACQUISTO

IBRA, CENTRALISTA PER UN GIORNO: "PRONTO, SONO ZLATAN"

I paragoni con Pelé, il sì al Real e non al Barça, il primo acquisto nel City degli sceicchi, lo scudetto al Milan, il ritorno in patria e il presente in Turchia, al Sivasspor. Robinho ne ha di storie da raccontare, corollario di una carriera di alto livello. Un palmares messo per niente male e una serie di bivi offerti dalla vita, ma rimpianti per lui non ce ne sono. Di retroscena, invece, ne è pieno e alcuni li ha rivelati durante una chiacchierata con gli utenti. Una confessione a cuore aperto con i tifosi, a cominciare dai suoi primi anni nelle giovanili del Santos, con l'etichettà di "nuovo Pelè" da sopportare: "I paragoni inizialmente mi hanno reso la vita difficile - dice nell'intervista pubblicata da FourFourTwo -. È impossibile fare un confronto con qualcuno che ha fatto mille gol, giocato quattro Coppe del Mondo ed è considerato il più forte di tutti i tempi. Devo però ringraziare chi è stato al mio fianco nelle prime stagioni. Durante il mio periodo tra i giovani del Santos sono stato guidato molto bene, poi sono entrato in prima squadra e anche lì ho avuto un allenatore, Emerson Leao, che si è preso cura di me".

Nel 2004, però, il brasiliano finì in prima pagina sui giornali per uno scherzo ai danni del compagno di Nazionale, Diego (ex Juventus): "Fu disastroso - spiega l'attaccante -. Solitamente era lui che mi tirava sempre giù i pantaloncini e io non riuscivo mai a vendicarmi. Aspettavo la mia occasione da molto tempo, così arrivò il giorno in cui dovevamo scattare le foto ufficiali per il torneo di qualificazione pre-olimpica in Cile. Mentre stava posando per il cameraman, feci a lui quello che avevo subito così tante volte. Tuttò il Brasile guardò quella scena. Pensammo fosse un episodio divertente, ma quando non riuscimmo a qualificarci molti ce lo rinfacciarono con rabbia. Fu un punto di svolta per noi, perché capimmo che dovevamo lasciarci l'infanzia alle spalle e diventare uomini. Da lì in poi abbiamo capito davvero cosa vuol dire indossare la maglia della Seleçao".

L'epoca blanca

A soli 21 anni poi arrivò la chiamata del Real Madrid che gli concesse subito una pesante investitura, la numero 10. I Blancos vinsero all'epoca la concorrenza del Barcellona: "Per me non è stata una scelta difficile - racconta Robinho -. Avevano mostrato più interesse rispetto ai blaugrana nei miei confronti e in più avevano tanti brasiliani in squadra, oltre all'allenatore Luxemburgo. Perché sarei dovuto andare al Barça?". L'allenatore verdeoro durò pochi mesi, sostituito poi da Lopez Caro e Fabio Capello. Con quest'ultimo le cose per l'esterno del Sivasspor non andarono molto bene: "Sono stato in grado di giocare con tutti i mister a Madrid - aggiunge -. Quando arrivò Capello invece mi mandò in panchina. Non so perché, forse a causa della mia età, ma io accettai la decisione senza lamentarmi". Diverso era invece il rapporto con Beckham: "Ha fatto sempre parte del nostro gruppo. Gli spagnoli erano gelosi perché parlava più portoghese che spagnolo e quindi passava più tempo con noi brasiliani. È una persona davvero umile, non ho mai conosciuto un giocatore con i piedi per terra come lui". A fine estate 2008 arrivò il momento di lasciare Madrid: "Non mi pento di essermene andato, ma rimpiango il modo in cui ci siamo lasciati. Il Real resta il club che mi ha aperto le porte e offerto la possibilità di affermarmi in Europa. Non dimentico i bei ricordi con loro, le buone prestazioni che ho dato con la squadra. Credo di aver giocato bene e averli aiutati a diventare campioni. Ero solo determinato a cambiare aria". La nuova esperienza si tradusse col trasferimento al Manchester City anche se, 24 ore prima, fu a un passo dal Chelsea: "Il mio obiettivo era unirmi ai Blues - racconta il giocatore verdeoro -. Avevo già parlato con Scolari e mi aveva detto che mi voleva in squadra per dare maggior qualità, ma la trattativa con il Real fallì perché i dirigenti si indispettirono quando il Chelsea mise in vendita le magliette stampate con il mio nome. Fu questione di orgoglio per i Blancos. Così cercarono un club che non giocava la Champions e, alla fine, andai al City".

Il passaggio al Milan e il "ruolo" di Ibra

A Manchester, Robinho, visse alcuni momenti di tensione con Bellamy: "Ho litigato con lui una volta - afferma -, ma chi al City non l'ha fatto? Anche altri giocatori hanno avuto problemi con Craig. Una volta giocammo contro l'Arsenal e io non disputai un buon primo tempo, così negli spogliatoi mi iniziò a urlare contro qualcosa in inglese. Io non capivo quasi nulla, ma da quel poco comprendevo che mi stava dicendo cose poco carine. Glauber mi aiutò a spingerlo via e, dopo, si calmò subito. Mi sentivo molto stanco perché avevo compiuto un lungo viaggio in Brasile, poi il giorno dopo venne e mi chiese scusa". Nel gennaio 2010 l'attaccante verdeoro tornò per qualche mese al Santos, prima di affrontare una nuova sfida: il Milan. "Ero circondato da grandi calciatori - ricorda Robinho -. C'erano Thiago Silva, Seedorf, Ibrahimovic, Inzaghi, Ronaldinho, Pirlo, Pato. Arrivai con l'obiettivo di vincere campionato e Champions, ma riuscimmo solo a conquistare lo scudetto. Quei giorni mi mancano ancora oggi. Ho trascorso quattro anni meravigliosi a Milano". Poi il retroscena sul ruolo di Ibrahimovic per il suo passaggio in rossonero: "Fu lui a raccomandarmi a Galliani - conclude -. Gli disse che c'era la possibilità di far venire anche me. «Vai e portalo qui», lo raccomandò, «è un fenomeno, insieme lavoreremo bene e segnerà i gol di cui la squadra ha bisogno». In campo mi ripeteva spesso questa storia".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche