Roma-Inter, Samuel: "Giallorossi irregolari, la squadra di Spalletti è più avanti. Ma la Juve è ancora lontana"

Calciomercato
Walter Samuel (getty)

L'argentino, doppio ex, in vista della partita di domenica sera: "La Roma sta facendo un po' di fatica, a volte è inspiegabile: De Rossi fondamentale. L'Inter è più solida con Spalletti, ora la vedo più avanti. Juve? Lontana per entrambe". Sui ricordi del passato: "Vi racconto di quando mi persi la festa al Circo Massimo"

ROMA-INTER LIVE

ROMA-INTER, TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE

SERIE A, CALENDARIO E CLASSIFICA

Una carriera da leader, divisa in Europa tra Roma, Real Madrid e Inter. Walter Samuel ha scritto un pezzo di storia del calcio italiano, capace di vincere uno storico Scudetto in giallorosso (e una Supercoppa) e un ancora più storico Triplete in nerazzurro. Domenica per lui sarà una serata nuovamente speciale, visto che contro ci saranno proprio Roma e Inter, nella 14ª giornata di Serie A. “La Roma fa un po’ fatica, è irregolare, a volte inspiegabile - ha spiegato l’ex difensore a La Gazzetta dello Sport - Visto in Champions? Gran primo tempo, ha preso un colpo e si è sciolta: mi sembra un fatto mentale, più che altro. L’anno scorso mi impressionava la sua identità, ora è come se non fosse convinta fino in fondo di quello che fa e le sta mancando De Rossi: non vinci senza gente che ha vinto e in Italia è dura trovare giovani già da prima squadra a 18 anni, come fece lui”. Discorso diverso, invece per l’Inter: “Si è consolidata. Spalletti sta trovando solidità e continuità. A Londra fino al gol ha tenuto benissimo, e guardate che il Tottenham è forte. Anche la Roma in casa è forte, ma io vedo ancora l’Inter almeno un passettino avanti. La Juve è lontana, per loro due lo scudetto sarà arrivare di nuovo in Champions. Però chi fa bene domenica prende coraggio, e ne vorrei vedere di più in tutte le squadre, non solo Roma e Inter. Per dare almeno un po’ più di fastidio alla Juve”.

"Dzeko e Icardi diversi. Di Francesco non me lo aspettavo"

Roma-Inter sarà anche la sfida tra squadre che possiedono due dei più forti attaccanti della Serie A, Dzeko (che, infortunato, molto probabilmente non ci sarà) e Icardi: “Tutti e due sanno nascondersi dietro il difensore sul lato opposto alla palla: era la cosa che soffrivo di più - ha continuato l’argentino - Però sono diversi: Icardi vivrebbe dentro l’area, Dzeko esce molto di più, gli piace tenere la palla”. Su Di Francesco, poi: “Se me lo aspettavo come allenatore? Forse no. Però lui, Tommasi, Mangone erano i grandi saggi del gruppo: meno minuti in campo, tanto peso. Per quello Scudetto hanno contato più di altri che giocavano di più. Spalletti? Con l’Inter è sempre stato difficile giocare contro la sua Roma. L’ho studiato molto, soprattutto certe giocate a memoria con il trequartista”.

"Roma e Inter, quanti ricordi"

Samuel si è infine soffermato a parlare dei ricordi che lo legano ai colori di Roma e Inter, che non sono pochi: “Io mezzo nudo, con i pantaloncini di Mangone – i miei me li avevano tolti nella prima invasione di campo – che tiro in aria la maglia e poi non la vedo più. Io che giro per Roma ed era tutto colorato di giallo e di rosso, tutto. Ero ancora un giovane coglionazzo, mi persi la festa al Circo Massimo. Champions? Quella volta al Circo Massimo ci andai: era San Siro, appena atterrati da Madrid con la coppa. Ma anche a Malpensa tornati da Barcellona fu una bella botta di brividi”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport