Valentino Lazaro: chi è l'esterno obiettivo di calciomercato dell'Inter

Calciomercato

L'austriaco è uno degli obiettivi di mercato dell'Inter. Cresciuto nel mito di Ronaldinho, e con la passione per la musica e Dragon Ball, è diventato un uomo a tutta fascia. Scopriamo caratteristiche e carriera del classe '96

INTER, SI TRATTA LAZARO DELL'HERTHA

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

Qualità naturali, voglia di divertirsi e testa sulle spalle. L'Inter segue e tratta l'acquisto di Valentino Lazaro, uno dei profili più interessanti offerti dal calcio austriaco negli ultimi anni. Laterale classe 1996, nella sua giovane carriera ha già affrontato una lenta e progressiva evoluzione del suo ruolo, arretrando gradualmente di qualche metro. Una modifica della posizione che, poi, è diventata anche uno dei suoi punti di forza: la duttilità. Nato da mamma greca e papà angolano, è cresciuto nel mito di Ronaldinho - modello calcistico e ispiratore delle sue treccine - e ha cominciato a muovere i primi passi nel mondo del calcio su Youtube, postando i suoi video mentre giocherellava con il pallone e metteva in evidenza numeri da freestyler. Tecnica che lo ha consacrato da attaccante durante i primi anni nelle giovanili di Graz e del Salisburgo. Successivamente si è trasformato in trequartista, prima di prendere possesso definitivamente delle fasce. Qui ha affinato il suo repertorio e trovato la sua collocazione ideale, passo in avanti che gli ha permesso di bruciare le tappe. Il 3 novembre 2012, infatti, è diventato il più giovane debuttante nel campionato austriaco, entrando in campo contro l'Admira a 16 anni e 224 giorni. È stato proprio in quel periodo che l'Inter ha cercato per la prima volta di prenderlo, decisa a scommettere sul futuro di un talento di grandissimi speranze e provando ad anticipare la concorrenza del Real Madrid. Alla fine, però, è rimasto al Red Bull Salisburgo. Una decisione suggerita dalla madre e che lo hanno convinto a crescere ancora sotto l'ala protettiva della famiglia. Oltre all'affetto dei suoi cari, ci sono stati altri due elementi fondamentali che lo hanno accompagnato nella sua ancora giovane carriera: la musica e la religione. Difficile trovarlo fuori dal campo senza cuffie, tra un passo di Michael Jackson e un rap di Eminem, con il volto di Gesù tatuato sulla spalla a testimoniare la sua profonda fede.

Lazaro in 3D: dribbling, duttilità e... Dragon Ball

Il percorso ai Red Bull si è concluso, poi, nel 2017, quando è arrivata l'offerta dell'Hertha Berlino: prestito con diritto di riscatto, poi esercitato a 7 milioni, che gli hanno permesso di compiere il primo grande salto della sua carriera. E in Bundesliga ha continuato a stupire, agendo in particolare sul lato destro della trequarti nel 4-2-3-1 della squadra di Berlino. Velocità, forza esplosiva nelle gambe, fisicità e resistenza, unite a un'importante tecnica di base. Caratteristiche che lo hanno reso uno dei migliori esterni del campionato - quest'anno concluso con 3 gol e 7 assist in 34 presenze - e gli hanno garantito anche le prime presenze in Nazionale. Particolarmente bravo nell'uno contro uno, per capacità di dribbling e scatto da fermo in grado di lasciare sul posto l'avversario, è stata una pedina particolarmente utile per il suo allenatore perché bravo ad adattarsi anche come terzino e sul lato opposto, oltre a sapersi destreggiare nel ruolo di mezz'ala. Nel 3-5-2 ideale di Conte, Lazaro andrebbe a fare l'esterno di centrocampo, posizione che gli richiederà un maggiore sacrificio in fase di copertura e una crescita tattica per non soffrire il passaggio il Serie A. Il 'Dragon Ball' austriaco - altra sua grande passione - è pronto a liberare l'energia e fare un altro salto di qualità nella sua carriera.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche