Calciomercato, la Juventus saluta Mandzukic: "Grazie per questi anni fantastici "

Calciomercato
©Getty

Il croato è arrivato a Doha per iniziare l'avventura con l'Al-Duhail. Il messaggio della Juve: "Un giocatore importantissimo nei suoi anni in bianconero"

Dopo 4 anni, Mario Mandzukic lascia la Juventus, destinazione Al-Duhail, club qatariota dove ritrova l'ex compagno Mehdi Benatia.

Il croato, separato in casa nei primi mesi della gestione Sarri, è stato salutato con un lungo messaggio dalla società bianconera, pubblicato sul sito ufficiale del club: "Quattro stagioni vissute da protagonista, con tanti gol bellissimi e decisivi. Mario Mandzukic, che saluta la Juventus per continuare la sua avventura in Qatar, all'Al-Duhail, è stato un giocatore importantissimo nel suo quadriennio bianconero, contribuendo non poco alla costruzione dei numerosi successi della Juve".

Un'avventura importante, colorata anche da alcuni trionfi: "L’attaccante croato lascia la Juventus dopo aver messo in bacheca 9 trofei: 4 Scudetti, 3 Coppe Italia e 2 Supercoppe Italiane. E in ogni singola coppa alzata al cielo c’è stato il suo marchio, mettendo dentro un pallone oppure sgomitando nelle diverse avversarie per liberare spazi per i compagni".

Tenacia e personalità, le doti da sempre riconosciute a Mandzukic: "Super Mario ha indossato con orgoglio, carisma e senso di appartenenza in 162 occasioni la nostra maglia, segnando 44 reti: 31 in campionato, 2 in Coppa Italia, 1 in Supercoppa Italiana e 10 in UEFA Champions League, compreso il fantastico gol di Cardiff nella finale contro il Real Madrid. Superare i portieri avversari è sempre stato il suo mestiere, fin da quando si è infilato per la prima volta le scarpette da calcio. Il colpo di testa è la grande specialità della casa, ma è la freddezza all’interno dell’area di rigore di destro e sinistro che l’ha reso una delle punte più complete in circolazione". Caratteristiche da bomber di razza, che non gli hanno impedito di reinventarsi: "Un calciatore poliedrico, che alla Juventus si è anche inventato attaccante di fascia per le esigenze della squadra. Facendo bene, benissimo, e creando stupore in tutti tifosi che pensavano fosse un uomo da area di rigore e basta".

Un messaggio di addio che ripercorre anche le tappe dell'avventura del croato in bianconero: "Alla prima partita ufficiale, fa subito gol: dall’altra parte del mondo, a Shanghai, apre le marcature nel match contro la Lazio in Supercoppa Italiana. E alza subito una coppa, la prima di una lunga serie. La stagione d’esordio è quella dove segna di più: 13 reti in 36 gare ufficiali, mentre quella successiva (2016-2017) è quella dove gioca più partite, disputando 50 presenze totali (con 11 centri). Nelle ultime due mette a segno 20 gol, equamente distribuiti tra l’annata 2017-2018 e 2018-2019 (in questa, 7 dei 9 gol segnati in Serie A li ha firmati in casa), rispettivamente in 43 e 33 match".

Un rendimento che ha portato tanto alla Juventus, ma ha regalato alcune soddisfazioni personali anche all'attaccante: "Mario Mandzukic è il giocatore croato che ha segnato più reti in Serie A con la maglia della Juventus (31). Ma, soprattutto: 16 di questi sono stati realizzati sul risultato di 0-0. Questo dato, da solo, fa capire quanto sia stato importante". 

Un lungo comunicato che non può che chiudersi così: "Grazie per questi fantastici anni, Marione. E in bocca al lupo!".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche