Maxi Lopez: "Milan? Incredibile quell'attesa in hotel"

Calciomercato

L’attaccante del Crotone ha ripercorso la sua carriera durante Calciomercato – L’Originale: "L'arrivo al Milan, con quella lunga attesa in hotel, è stata un’esperienza incredibile. A Catania rapporti di amore e odio con Lo Monaco e Mihajlovic. E che ricordi con Sinisa, quando chiese di incontrami faccia a faccia a Genova... Non voglio lasciare l'Italia, è il mio punto fermo"

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Tredici squadre diverse in diciannove anni di carriera, con un unico filo conduttore: l’Italia. Oggi Maxi Lopez è un calciatore del Crotone e attualmente si trova nella città calabrese durante questo periodo di quarantena. "Qui sembra quasi estate, fa caldo. Mi alleno a casa, abbiamo un programma girato dal nostro preparatore atletico e mi alleno in giardino, provando a trovare una soluzione per questo momento. Ho cambiato tante volte squadra. Non ho mai avuto tempo di provare un progetto, di sentire l'appartenenza. A volte per colpa mia, altre volte per colpa degli altri. Ho girato tanti Paesi, imparato tante lingue, ma il mio punto fermo è l'Italia che si è rivelato il Paese che non sono mai riuscito a lasciare", ha raccontato, ospite di Calciomercato – L’Originale.

Il passaggio al Milan

Nel corso del programma ha ricordato le esperienze più singolari, come quando passò al Milan: "È stata un'esperienza incredibile. Quando sono partito da Catania, arrivai in albergo a Milano e firmai subito. Ma in quel momento il Milan stava cercando anche un'altra punta, che era Tevez, e mi ricordo che Braida mi disse di aspettare un paio di giorni. Solo che poi è stata una settimana. Quindi ero in albergo e non potevo tornare a Catania perché avevo firmato. Avevo una proposta per un contratto di quattro anni anche dall'Inghilterra, ma ci tenevo a giocare per il Milan".

Tra Catania e Sampdoria

Gli anni a Catania sono tra i ricordi più belli. Fu Pietro Lo Monaco a portarlo in Italia, acquistandolo dal Gremio: "Il rapporto che avevo con lui era molto simile a quello che avevo con Mihajlovic, era amore e odio, ma ci volevamo bene. Io avevo comprato una Ferrari appena arrivai e lui diceva che non era una cosa giusta, mi minacciava, mi voleva bucare le gomme. Poi ho cominciato a segnare molto e si è calmato un po'". Maxi Lopez ritrovò Mihajlovic alla Sampdoria, di cui ha raccontato un confronto prima di firmare con i blucerchiati. "Quando Sinisa mi diceva 'parliamo a quattrocchi' in genere non era niente di buono. Andai a Genova e lui mi disse ‘te la senti? Se fai bene io ti metto'. Mi allenai al massimo e pochi giorni dopo segnai nel derby".

Wanda Nara e i figli

Il nome di Maxi Lopez è legato anche alla ex moglie, Wanda Nara, la cui separazione fece molto scalpore per la relazione poi intrapresa da lei con Mauro Icardi. "Speriamo di trovare prima o poi un punto d’incontro, più che altro per i ragazzi. Uno può essere d'accordo o meno su tante cose, però quando c'è una certa tranquillità e c'è un accordo è tutto più semplice per i figli. Non è facile, non li vedo quanto vorrei e non passo con loro tanto tempo. Quando me ne sono andato in Brasile è stato anche per i troppi problemi personali che non mi facevano concentrare: forse cambiare aria mi avrebbe aiutato con il lavoro. Loro sono alla base di tutto", ha spiegato l'argentino. "Tante volte ho provato a tenermi lontano da queste cose, perché sono stressanti e a volte più che il cuore è la testa a risentirne, e per un calciatore è fondamentale avere un certo equilibrio. Quando manca, è difficile poi. Ovviamente sarebbe stato tutto molto più semplice pensando solo al calcio, ma questa è la vita".

L’Italia nel cuore

Se dovesse esserci una nuova squadra dopo il Crotone, Maxi Lopez la vorrebbe ancora in Italia: "In Brasile è stata un'esperienza pazzesca, ma non so se riesco a lasciare di nuovo questo Paese, ci sono troppo legato. Quindi proverò a restare qui. Il gruppo che c'è qui a Crotone è una famiglia".

Il rapporto con Messi e Maradona

L’argentino ha raccontato il suo rapporto con Maradona e Messi, con cui ha condiviso lo spogliatoio per due stagioni: "Non sono uno che chiama o che sta addosso alle persone. Diego l'ho visto solo una volta per una partita di beneficenza in Argentina, ogni tanto mi scrive e per me è una cosa incredibile, che non ha prezzo. Si vede che è una persona ricca di valori. Avere un rapporto con Messi e Maradona è la cosa più bella per un argentino. Con Leo abbiamo fatto tante partite alla PlayStation, tanti asado insieme: è sempre stato un ragazzo umile, alla mano".

Maxi Lopez

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.