Inter, Moratti: "Icardi? In nerazzurro storia finita. Terrei Lautaro"

Calciomercato
©LaPresse

L'ex presidente nerazzurro alla Domenica Sportiva: "Sarebbe un bene se il club riuscisse a trattenere Lautaro. Non sarà facile però visto l'interesse delle grandi società". Su Icardi: "Credo che la sua storia in nerazzurro sia ormai conclusa, ma deciderà il Psg"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

La voglia di tornare presto in campo dopo lo stop forzato causa Coronavirus, ma anche il pensiero all’Inter che verrà. In casa nerazzurra uno dei nodi fondamentali in vista della prossima stagione riguarda il futuro di Lautaro Martinez, l’argentino che tanto piace anche al Barcellona (e non solo). "Credo che sarebbe ottimo per l'Inter trattenere Lautaro, ha un grande potenziale che non abbiamo visto ancora tutto per intero, sono curioso di vedere cosa diventerà", il pensiero espresso alla Domenica Sportiva, trasmissione di Rai 2, da Massimo Moratti. "Lautaro ha grandi doti, tutti sogniamo quello che potrebbe fare vicino a Lukaku. Non so però quanto sia facile trattenerlo se fosse vero l'interesse delle grandi società", ha poi aggiunto l’ex presidente nerazzurro. Che ha parlato anche di un altro argentino che a Milano conoscono bene: "Icardi immagino che sia un qualcosa di concluso per l'Inter, deciderà il Paris Saint-Germain (che volendo può esercitare l’opzione di riscatto del cartellino del calciatore, ndr) cosa farne, ma è un grandissimo giocatore. Per può essere un grande vantaggio sia tenerlo che darlo in cambio per qualcun altro", ha aggiunto Moratti.

"Triplete? Non so il segreto, ma ci credevamo tutti"

Immancabile un pensiero alla sua Inter e all’anno del Triplete: "Non so quale fosse il segreto di quella squadra, altrimenti l’avremmo ripetuto. Sicuramente ci credevamo tutti: i giocatori, l'allenatore, io stesso ero convinto che un successo prima o poi sarebbe arrivato. Abbiamo tenuto duro fino a che la cosa non si è verificata e realizzata, la tenacia è uno dei mezzi che permettono di vincere", ha affermato Moratti. Che sul paragone tra l’Inter del 2010 e quella attuale risponde così: "È una squadra molto diversa dalla nostra, però credo sia una buona squadra. L'attacco è ottimo se rimane Lautaro, la difesa è ottima; credo che il problema sia magari sul terzino sinistro ma soprattutto sul centrocampo: il reparto è buono se hanno continuità Sensi e Barella. In quel caso ci sarebbero speranze più concrete. Eriksen è un grande centrocampista anche se ancora non lo ha dimostrato". Porte chiuse invece per un suo ritorno all’Inter: "No, non ci penso, non ho questa intenzione", ha concluso Moratti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.