Pjanic-Arthur, il brasiliano del Barcellona apre alla Juve per lo scambio di calciomercato

Calciomercato

Possibile svolta nella trattativa tra bianconeri e blaugrana: contatti avviati tra Arthur e la Juventus, operazione da chiudere entro il 30 giugno per motivi di bilancio. Ma tra i due club va ancora trovata un'intesa definitiva sulle cifre

BOLOGNA-JUVE LIVE

Nuovo capitolo di una trattativa infinita, quella che vedrebbe Miralem Pjanic passare al Barcellona e Arthur fare il percorso opposto alla Juventus. Il bosniaco è da tempo sul taccuino dei blaugrana, con i bianconeri che hanno sempre risposto di volere il brasiliano come contropartita tecnica. Finora una strada difficile, perché Arthur non si era mai reso disponibile a lasciare Barcellona. Ma da qualche giorno la situazione sta cambiando: la grande novità è che il giocatore ha iniziato a parlare con la Juve, aprendo alla possibilità di un trasferimento a Torino e valutando l'offerta dei bianconeri. Non si tratta ancora di un sì definitivo, ma il dialogo con Paratici è continuo e filtra ottimismo lato Juventus. Che a livello di ingaggio offrirebbe ad Arthur circa 5 milioni a stagione: due volte e mezzo rispetto a quanto il classe '96 percepisce attualmente al Barça. Anche le notizie dal campo spingono verso una cessione: Arthur non ha giocato nemmeno nell'ultimo big match di campionato contro il Siviglia e nessun compagno di squadra ha rilasciato dichiarazioni perché resti.

La deadline è il 30 giugno

vedi anche

Sarri: "Nessuna lite con Pjanic, ora rialziamoci"

Per motivi di bilancio, per entrambi i club. Altrimenti l'affare salta. Nove giorni a disposizione della Juve dunque, non solo per convincere definitivamente il giocatore, che comunque non sarebbe intenzionato a lasciare il club dei suoi sogni. Si dovrà infatti definire l'intesa economica con il Barcellona: al momento la valutazione dei giocatori è di 70 milioni per Pjanic e 80 per Arthur, con un differenza di circa 10 milioni a favore dei blaugrana. Che però vogliono di più, sia per questioni di età (il brasiliano è sei anni più giovane del bosniaco), sia perché Pjanic guadagna molto di più.