Pioli: "Ibrahimovic deve restare. Donnarumma? Non immagino Milan senza di lui"

Calciomercato
©LaPresse

L'allenatore rossonero a La Repubblica: "Io e il club consapevoli di quello che ci ha dato Zlatan. Tutti abbiamo imparato da lui". Poi sul futuro di Donnarumma: "Non immagino un Milan senza Gigio. Diventerà il più forte al mondo"

CALCIOMERCATO, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Il suo Milan ha vinto lo scudetto post lockdown, una piccola grande soddisfazione per Stefano Pioli. Ora però è già tempo di pensare alla prossima stagione, a partire dal mercato. Nodo cruciale è il futuro di Ibrahimovic, il cui contratto scadrà fra pochi giorni: "Ha alzato la competitività: per un passaggio sbagliato nel torello si infuria. Maldini, Gazidis, Massara, io, tutti siamo convinti che debba continuare con noi. Dalla trattativa economica è giusto che io resti fuori, ma siamo tutti consapevoli di quello che ha dato", ha spiegato lo stesso allenatore del Milan in esclusiva a La Repubblica. Lo svedese, arrivato in inverno, ha cambiato faccia al Milan: "In una stagione non tutto fila liscio. Ma lui rende tutto facile - ha continuato Pioli - è sbagliato riferirsi all’età, è un professionista al 100%. Ha insegnato ai giovani la serietà, la competitività in ogni singolo allenamento. È il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via. Sono segnali fortissimi. Zlatan ha un grande rispetto dei ruoli. Una volta mi disse: tu decidi e io rispetterò sempre le tue scelte. Tutti abbiamo imparato da lui. È l’esempio quotidiano di come si resta ad alto livello. Insegna a non accontentarsi mai". 

"Non immagino Milan senza Donnarumma"

vedi anche

Milan-Ibra, sempre più fiducia per il rinnovo

Dall'attacco alla porta, da Ibra a Donnarumma. Il contratto del portiere è in scadenza nel 2021, per questo il club sta lavorando al rinnovo: "Non immagino un Milan senza di lui - ha ribadito Pioli - ha 21 anni, l’esperienzal’ha già fatta, nelle ultime partite era addirittura capitano. È già tra i primi 3-4 portieri al mondo e diventerà il migliore". Infine chiosa sugli altri pilastri: "Hernandez era al primo anno in Italia: si ritroverà il bagaglio che ha ampliato. Bennacer giocava per la prima volta in un grande club e Leao, col suo potenziale, dovrà dare per forza risultati superiori. E poi ci sono Rebic, Çalhanoglu, Romagnoli, Kjaer. Bastano pochi innesti mirati".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche