Jens Petter Hauge, chi è il talento norvegese nuovo obiettivo del calciomercato del Milan

Calciomercato

Un gol e un assist a San Siro contro il Milan che sta provando a strapparlo alla concorrenza: i complimenti di Haaland, le tante reti e la voglia di andare di fretta. Conosciamo meglio Jens Petter Hauge esterno offensivo del Bodo Glimt

MILAN, ARRIVA HAUGE: "IO CON IBRA, NON VEDO L'ORA"

Novanta minuti per stupire il Milan, una prova che con ogni probabilità ha accelerato l’ascesa della carriera di Jens Petter Hauge, 20enne esterno offensivo norvegese che a San Siro ha fatto tremare i rossoneri nel preliminare di Europa League che ha visto la squadra di Pioli imporsi per 3-2 sul Bodo Glimt. Assist per il gol di Junker, poi la rete personale con un potentissimo destro che non ha lasciato scampo a Gigio Donnarumma, certamente non l’ultimo arrivato. "Avete visto che gol ha fatto?", ha commentato sui social Erling Haaland, norvegese proprio come Hauge. Uno "sponsor" niente male. Il resto lo ha mostrato sul campo: corsa, dribbling, qualità. Una prova che ha stregato Maldini e il Milan, a cui Hauge era già stato segnalato in passato, che hanno subito avviato i contatti con il Bodo Glimt con la volontà di presentare subito un’offerta e provare a chiudere l’affare, superando la concorrenza.

90' per impressionare il Milan

leggi anche

Milan stregato da Hauge: pronta l'offerta

Perché Hauge piace a molti, già prima dell’exploit di San Siro. Esterno offensivo di sinistra in un tridente, piede destro, il classe 1999 ha un ottimo feeling con il gol: 7 e due assist nello scorso campionato, 14 reti e 9 assist in 17 partite nell’Eliteserien ancora in corso. Ora la Serie A all’orizzonte: "Il Milan è uno dei club più grandi del mondo, ho avuto un assaggio sia della città che allo stadio, mi piacerebbe giocarci. Non sono stato nell'ufficio di Maldini ma posso confermare di averlo salutato". E anche impressionato, aggiungiamo.

Lo "sponsor" Haaland

Le referenze sul tavolo degli osservatori rossoneri sul suo conto sono ottime: testa al campo – e il profilo Instagram dove pubblica solo immagini di gioco lo testimonia – e voglia di emergere, senza perdere tempo. Sulle orme di Haaland (che per Hauge ha sempre speso belle parole), amico e compagno in passato nella nazionale con cui insieme ha giocato il Mondiale Under 20 del 2019,. Quello che ha portato allo scoperto il talento di Haaland. Ad Hauge invece è “bastata” una partita a San Siro contro il Milan poco più di un anno dopo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche