Grifo: "Serie A? In passato ho rifiutato offerte da Lazio e Fiorentina"

Calciomercato

Il talento del Friburgo alla Gazzetta dello Sport: "A 18 anni Tare mi voleva a ogni costo alla Lazio ma rifiutai, così come dissi no alla Fiorentina nell'estate del 2019. Sono soddisfatto del mio percorso in Bundesliga, mi piacerebbe però giocare un giorno in Serie A"

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN TEMPO REALE

Due gol con la maglia azzurra nell’amichevole vinta 4-0 contro l’Estonia per provare a convincere definitivamente Mancini in chiave Europeo e chissà anche per conquistarsi quella Serie A, sfiorata in più occasioni in passato. "Ci sono state opportunità, ma forse i tempi non erano maturi", ammette Vincenzo Grifo, 27enne talento del Friburgo, in un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. "Quando avevo 18 anni Tare era intenzionato a tesserarmi per la Lazio, mi voleva a tutti i costi a Roma. Ma insieme ai miei parenti decisi che era meglio stare vicino alla mia famiglia. Ero troppo giovane. Era la prima volta che uscivo di casa e preferimmo la vicina Hoffenheim", le parole del calciatore. Che ammette di aver rifiutato anche la Fiorentina nell’estate del 2019: "La proposta mi sembrava interessante ma, mentre riflettevo, il club viola prese Ribery e Boateng. Così a quel punto per me era meglio rimanere in Germania. Non ha influito l'aspetto economico".

"Mi piacerebbe un giorno giocare in Serie A"

approfondimento

Grifo&Co: i gol in azzurro di chi gioca all'estero

"Se penso al trasloco in Italia? Per cambiare avrei bisogno di un progetto. In passato, almeno due volte, ho sbagliato a cambiare club. Perciò mi sono ripromesso di non farmi prendere dalla fretta. È fondamentale trovare un allenatore che creda in te. Con Mancini è andata proprio così. Una nuova esperienza di club? Mai dire mai", ha proseguito Grifo. Che a Friburgo ammette di trovarsi bene: "Sono soddisfatto del mio percorso in Bundes. All'Hoffenheim non è andata come mi aspettavo, al Friburgo ho trovato l’ambiente giusto”. Grifo che lascia le porte aperte a un futuro in Serie A: "Sono orgoglioso di essere italiano e mi piacerebbe giocare un giorno in Serie A... Ma a 27 anni devo essere razionale: cambio solo per un’opportunità vera. Insomma, se arrivasse una grande, mai dire mai", ha concluso l'esterno offensivo del Friburgo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche