Juventus, nuovo incontro per Locatelli: non c'è ancora l'accordo con il Sassuolo

Calciomercato
©LaPresse

Il terzo appuntamento tra Juventus e Sassuolo per Locatelli non ha avvicinato i due club: c'è ancora distanza tra l'offerta dei bianconeri e la richiesta dei neroverdi per il centrocampista, oltre alla formula del trasferimento e la percentuale della futura rivendita. Servirà un nuovo aggiornamento

JUVE, LA CONFERENZA DI LOCATELLI LIVE

Tra la Juventus e il Sassuolo non c'è ancora l'accordo per Manuel Locatelli. Non ha avuto l'effetto desiderato il terzo incontro tra i due club. Da una parte c'era Federico Cherubini, football director della Juventus, dall'altra Giovanni Carnevali e Giovanni Rossi, rispettivamente amministratore delegato e direttore sportivo del Sassuolo. Il tutto si è concluso con un nulla di fatto vista la distanza che resta tra i due club: la richiesta del Sassuolo per Locatelli è di 40 milioni di euro, mentre la Juventus è arrivata a 30 milioni di euro con la formula del prestito con obbligo di riscatto. Una formula a cui il Sassuolo apre (con prestito annuale, non biennale) e con obbligo di riscatto molto facile da raggiungere. Un passo avanti è stato fatto per quanto riguarda la percentuale della futura rivendita, che era al 25% e ora è al 15%. Servirà però un nuovo aggiornamento per capire se ci sarà margine per avvicinare le parti vista anche la deadline del 8 agosto fissata dal Sassuolo per la vendita dei suoi gioielli. I dirigenti del club neroverde hanno ribadito di non avere intenzione di tirarla per le lunghe, anche perché ci sono sempre delle offerte dall’estero, al di là dell’Arsenal che si è già fatto avanti. Le parti si dovranno aggiornare di nuovo dopo questo incontro interlocutorio: il giocatore ha sostenuto le classiche visite mediche di rito di inizio stagione e lunedì sarà convocato.

Carnevali: "Locatelli vuole andare alla Juve"

approfondimento

Carnevali: "Locatelli vuole la Juve, ci vedremo"

La volontà di Locatelli è nota da tempo: il giocatore vuole la Juventus. Un desiderio ribadito dall'amministratore delegato Giovanni Carnevali che, però, non ha escluso altre offerte visto il discorso aperto con l'Arsenal e un altro club inglese: "Se si avvicina qualche altro club dovrà fare le sue valutazioni vagliando anche altre possibilità - spiega - Perché non è detto che le condizioni della Juve soddisfino noi, bisogna essere d’accordo in tre altrimenti potrebbe anche rimanere al Sassuolo, perché il Sassuolo comunque vuole rinforzarsi e in un modo o nell’altro dobbiamo trovare la giusta soluzione".