Pellegri al Torino: arriva in prestito con diritto di riscatto

Calciomercato
©LaPresse

Al Milan nella prima parte di stagione, l'attaccante classe 2001 si trasferisce in granata in prestito con diritto di riscatto: ritrova papà Marco, team manager del club, e soprattutto Juric, l'allenatore che lo fece esordire giovanissimo in Serie A

CALCIOMERCATO, NEWS E TRATTATIVE LIVE - VLAHOVIC-JUVE, LE NEWS LIVE

Riparte dal Torino la carriera di Pietro Pellegri. La società granata, infatti, ha annunciato l’arrivo del giovane attaccante classe 2001 – che nella prima parte di questa stagione ha indossato la maglia del Milan – in prestito con diritto di riscatto dal Monaco. "Il Torino Football Club è lieto di annunciare di aver acquisito dall'Association Sportive de Monaco Football Club, a titolo temporaneo con opzione per il trasferimento definitivo, il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Pietro Pellegri. Tutto il Torino Football Club accoglie Pellegri con un caloroso benvenuto: buon lavoro, Sempre Forza Toro!", si legge nel comunicato del club granata. Pellegri al Torino ritrova papà Marco – team manager della società – e soprattutto Ivan Juric, l’allenatore che lo fece esordire giovanissimo (il 22 dicembre 2016 a 15 anni e 280 giorni, eguagliando primato di precocità di Amedeo Amadei) in Serie A con la maglia del Genoa proprio contro il Torino. "Qui al Toro mi sento come a casa, ad accogliermi ho trovato mio papà a differenza delle mie ultime esperienze. Ritrovo anche Juric con cui ho uno splendido rapporto e ottimi ricordi, a partire da quello legato al mio esordio. Sono pronto e carico", la sue prima parole dopo l’ufficialità del trasferimento. 

Riparte dal Toro dopo il mancato riscatto del Milan

approfondimento

Ultima settimana di mercato: cosa può succedere

Arrivato al Milan la scorsa estate in prestito con diritto di riscatto fissato a 6 milioni di euro più uno di bonus dal Monaco, l’attaccante ha trovato poco spazio in rossonero sia perché chiuso da giocatori come Ibra e Giroud, sia per alcuni problemi fisici che lo hanno frenato. Solo 6 spezzoni di gara per un totale di 127 minuti in campo i numeri dell’avventura al Milan di Pellegri. Società rossonera che comunque lo avrebbe voluto riscattare già a gennaio, ma che non è riuscita a trovare un nuovo accordo (al ribasso) con il Monaco: da qui il ritorno nel club monegasco e il nuovo prestito in Serie A, ma questa volta al Torino.