Psg, Di Maria in scadenza e obiettivo della Juve: "Gioco ancora 1 anno in Europa"

Calciomercato
©Getty

L'esterno offensivo che piace anche alla Juve parla a radio Urbana Play del suo contratto in scadenza col Psg: "Se non vogliono che resti valuterò altre possibilità. Voglio giocare ancora un anno in Europa, poi torno in Argentina". Proseguono i contatti con il club bianconero

Continuare ancora un anno in Europa e poi far ritorno in Argentina. Ha le idee chiare sul suo futuro Angel Di Maria, eccezion fatta sulla squadra con la quale proseguire la sua avventura europea, visto che è in scadenza di contratto con il Paris Saint-Germain a giugno e i discorsi per il rinnovo non sono ancora entrati nel vivo. “La mia idea è quella di giocare ancora un anno in Europa per arrivare al Mondiale nel migliore dei modi, se verrò convocato, e poi tornare in Argentina. Non so se il Psg vuole che resti. In caso contrario, vedrò la possibilità di qualche squadra in Europa", ha ammesso l’esterno offensivo classe 1984 nell’intervista rilasciata alla trasmissione "Todo Pasa" della radio di Buenos Aires "Urbana Play".

Juve-Di Maria, proseguono i contatti

leggi anche

Juventus, contatti per Di Maria e David Neres

E tra le squadre europee interessate al Fideo c’è anche la Juventus. La società bianconera in vista della prossima stagione cerca un esterno offensivo mancino di primo piano e il nome di Di Maria (che no è il solo sulla lista bianconera) stuzzica molto la dirigenza per esperienza e qualità. La Juventus ha già avviato i primi contatti con l’entourage del giocatore, intenzionato – come da lui stesso ammesso – a valutare solo proposte contrattuali brevi, un anno o massimo due. Una situazione dunque che nelle prossime settimane potrebbe avere contorni più nitidi, visto che i dialoghi tra le parti proseguono.

"Preferisco il Mondiale alla Champions"

Nella sua intervista a radio "Urbana Play", Di Maria ha poi aggiunto: "Sono tifoso del Rosario, è il club del mio cuore, che mi ha fatto crescere e mi ha permesso oggi di giocare nel Psg. Con il passare del tempo sono diventato anche tifoso del Psg. Tra vincere un Mondiale e la Champions dico il Mondiale, visto che è una competizione che si disputa ogni 4 anni e non tutti hanno la possibilità di giocarci; la Champions è una competizione importantissima ma che si può giocare ogni anno”, ha concluso il calciatore oggi al Psg.