Perisic e il rinnovo con l'Inter: il perché dello sfogo e come stanno le cose

inter
©IPA/Fotogramma

"Con i giocatori importanti non si aspetta l'ultimo momento" ha detto il croato dopo la doppietta decisiva in finale di Coppa Italia contro la Juventus. Il suo contratto scadrà a giugno, ma non c'è ancora l'accordo per il prolungamento visto che l'Inter vuole rinnovare a cifre più basse di quelle attuali. La ricostruzione

INTER, LA FESTA ALL'OLIMPICO E I COMPLIMENTI DELLA JUVE

Eroe di Coppa, ma con un destino ancora incerto. Ivan Perisic è stato il protagonista in campo e fuori nella finale di Coppa Italia vinta dall'Inter contro la Juventus. Sul terreno di gioco dell'Olimpico ha messo a segno la doppietta decisiva per il successo nerazzurro nei tempi supplementari. Fuori, invece, ha fatto parlare di sé per le parole relative al suo futuro. "Con i giocatori importanti non si aspetta l'ultimo momento" ha detto Perisic parlando del suo rinnovo di contratto. Il croato, infatti, ha un accordo in scadenza a giugno e non c'è ancora l'intesa per il prolungamento,

Inter-Perisic: come stanno le cose

leggi anche

Perisic sul rinnovo: "Non si aspetta l'ultimo..."

Il rinnovo di Perisic è una delle questioni aperte in casa nerazzurra. A differenza del 2017, quando il croato rinnovò con l'Inter per la prima volta, la situazione è però decisamente più complicata. Contatti tra il club e il giocatore ci sono stati nel corso della stagione: il croato aveva chiesto una cifra molto alta per il prolungamento, 6 milioni di euro. Il club nerazzurro invece era disposto a rinnovare ma a cifre più basse. Vista la situazione e la differenza tra proposta del club e richiesta del giocatore, l'Inter ha quindi deciso di rimandare ogni discorso per il rinnovo a fine stagione, chiedendo a Perisic di concentrarsi sul campo e promettendo uno sforzo per assecondare le sue richieste. Negli ultimi giorni poi il club nerazzurro, che intanto a gennaio ha acquistato Gosens dall'Atalanta nello stesso ruolo, ha annunciato al giocatore di voler rinnovare, ma a cifre molto più basse di quelle attuali. Una proposta che non è stata presa bene da Perisic e che quindi potrebbe essere il motivo dello sfogo.

Le parole di Marotta: "Non siamo ancora al match point"

leggi anche

Marotta: "Fiduciosi sul rinnovo di Perisic"

Uno scenario svelato già martedì sera dall'amministratore delegato dell'Inter, Beppe Marotta, ospite dell'evento Sky Sport al Foro Italico di Roma: "Se Perisic vorrà restare - ha spiegato - noi abbiamo il desiderio di accontentarlo, senza però elargire somme esagerate". Al tempo stesso, il dirigente nerazzurro si è detto fiducioso per il prolungamento del croato, sottolineando tuttavia che "non siamo ancora al match point". 

Il rendimento di Perisic

I numeri, intanto, premiano Perisic, fondamentale nello scacchiere di Simone Inzaghi. Il croato ha collezionato 47 presenze in stagione: 3.748 minuti in campo, quinto giocatore più impiegato della rosa dopo Handanovic, Skriniar, Brozovic e Barella. Perisic finora ha realizzato 9 gol e 7 assist, ma a emergere sono soprattutto i dati dell'ultimo periodo. Un finale di stagione in crescendo per lui con 4 gol e 4 assist nelle ultime 9 partite disputate.