Napoli-Kim, mancano pochi dettagli: possibile arrivo in Italia nella giornata di sabato

Calciomercato

La società azzurra lavora per sistemare gli ultimissimi dettagli burocratici e far arrivare il difensore in Italia già sabato 23 luglio per le visite mediche e la firma sul contratto: con il sudcoreano l'accordo è totale. Per liberarlo dal Fenerbahce verrà pagata la clausola da 20 milioni di euro

CALCIOMERCATO, NEWS E TRATTATIVE LIVE

Si avvicina sempre più il momento dell’arrivo in Italia di Kim Min-jae, difensore del Fenerbahce. Il Napoli infatti continua a lavorare in maniera molto positiva per sistemare gli ultimi dettagli burocratici, così da fare in modo – o almeno questa è la speranza del club del presidente De Laurentiis – che il difensore sudcoreano possa arrivare in Italia già nella giornata di domani, sabato 23 luglio, per sottoporsi alle visite mediche di rito e firmare il contratto con il club azzurro che lo ha individuato come il sostituto ideale per il dopo Kalidou Koulibaly. Tra il Napoli e Kim l’accordo è già stato raggiunto sotto tutti gli aspetti: dalla durata del contratto all’ingaggio, passando per le commissioni degli agenti e la gestione dei diritti d’immagine, argomento sempre centrale nelle trattative di casa azzurra.

Battuta la concorrenza del Rennes

leggi anche

Solbakken ha dato il suo impegno al Napoli

Con il Fenerbahce non ci sarà invece da trattare: il Napoli infatti pagherà la clausola di 20 milioni di euro che libererà il difensore, che era stato cercando con insistenza anche del Rennes. Kim Min-jae, però, dopo attente e lunghe riflessioni ha preferito accettare la corte azzurra dove lo attende la pesante eredità lasciata da Koulibaly, passato al Chelsea. Un addio, quello di Kim al Fenerbahce, già annunciato dall’allenatore del club turco Jorge Jesus nei giorni scorsi: "La sua cessione è stata programmata. Ma è stata una sorpresa per me. Purtroppo il nostro club non può farci nulla, non possiamo trattenerlo. Il club interessato a lui pagherà la clausola rescissoria presente nel contratto. È stato un duro colpo apprenderlo”.