user
22 gennaio 2018

Calciomercato, Kepa rinnova: 80 milioni di clausola. Il Real torna su Alisson?

print-icon
kep

Il portiere dell’Athletic Bilbao, in Spagna considerato nelle ultime ore vicinissimo ai Blancos, ha prolungato il suo contratto con il club basco fino al 2025: inserita anche una clausola monstre. Adesso Florentino Perez potrebbe pensare anche al portiere della Roma

CALCIOMERCATO - TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

7 partite su 10 di Serie A in esclusiva su Sky

Una clausola monstre per scacciare definitivamente ogni dubbio sul futuro e zittire in maniera categorica tutte le voci di mercato che si sono rincorse in Spagna e non solo. L’Athletic Bilbao blinda Kepa Arrizabalga, portiere classe ’94 ritenuto vicinissimo al Real Madrid. Protagonista assoluto in Liga tanto da attirare le attenzioni della Casa Blanca, che aveva deciso di puntare su di lui per il dopo Keylor Navas, Kepa ha rinnovato per altre sette stagioni il suo contratto con l’Athletic.

Clausola di 80 milioni

Ad annunciare il prolungamento del contratto del portiere ex Real Valladolid è stata la stessa società basca attraverso questa nota apparsa sui propri canali ufficiali. "L’Athletic Cub e il giocatore Kepa Arrizabalga hanno sottoscritto un accordo di rinnovo che permetterà al giocatore di rimanere con la squadra biancorossa fino al 30 giugno 2025. La clausola di rescissione sarà di 80 milioni di euro". Smorzate dunque tutte le voci che volevano Kepa vicinissimo al Bernabeu. E il Real Madrid adesso cosa farà?

Top parate, Alisson dice no a Icardi

Real Madrid, portiere cercasi: Perez torna su Alisson?

Tutto da rifare dunque per il Real Madrid, che sembrava aver individuato nel classe ’94 dell’Athletic Bilbao il profilo giusto per la porta. Sfumato Kepa, i Blancos si getteranno nuovamente sul mercato alla ricerca di un portiere in grado di raccogliere l’eredità di Keylor Navas. Diversi i nomi sondati dalla società del presidente Florentino Perez, che adesso potrebbe anche tornare su Alisson, portiere della Nazionale brasiliana e della Roma che tanto bene sta facendo in Serie A. Protagonista assoluto nell’ultima gara di campionato dei giallorossi a San Siro contro l’Inter, il brasiliano potrebbe entrare prepotentemente in cima alla lista dei desideri degli uomini mercato della società spagnola.

Top giocate, Alisson pesca El Shaarawy per lo 0-1 Roma

Alisson: "Szczesny, mai problemi con lui. Ho solo imparato"

Alisson protagonista a San Siro: i complimenti di Spalletti

Intanto il portiere brasiliano che potrebbe finire nel mirino del Real Madrid ha dimostrato ancora una volta tutto il suo talento nell’ultima gara della Roma in Serie A. Considerato tra i migliori portieri dell’intero campionato e in testa alla classifiche di rendimento, Alisson è stato assolutamente determinante ai fini del risultato della squadra di Di Francesco nel match di San Siro contro l’Inter. Una serie di parate strepitose, su tutte quella sulla botta di Mauro Icardi, ma non solo: il portiere giallorosso ha anche servito l’assist decisivo per la rete del vantaggio della Roma firmata da El Shaarawy. E della grande prestazione di Alisson ha parlato anche l’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti, che nella passata stagione alla Roma aveva preferito far giocare Szczesny al posto del brasiliano. "Alisson l’ho penalizzato nella stagione scorsa – ha detto l’allenatore nerazzurro ai microfoni di Sky Sport -, ho deciso di far giocare Szczesny perché veniva da un grandissimo campionato. E’ un uomo vero,  ha un carattere e una forza incredibile. Merita una grande squadra e merita gli elogi che gli vengono fatti". E alle parole del suo ex allenatore ha voluto rispondere anche il portiere classe ’92, che ha anche chiarito di non aver mai avuto alcun tipo di problema con il suo ex compagno-rivale. "Nella passata stagione Spalletti doveva fare le sue scelte, aveva due grandissimi portieri da scegliere e ha scelto bene – ha commentato Alisson sempre ai microfoni di Sky Sport -, Szczesny ha fatto un gran lavoro. Secondo me se entrava lui o se entravo io, se giocava lui o se giocavo io, era uguale. Per un allenatore non è facile gestire una situazione così. Ho imparato tanto da Szczesny e non ho avuto problemi con lui, devo soltanto ringraziarlo perché è stato un anno che mi ha permesso di imparare tanto".

Speciale Calciomercato 2018

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' VISTI DI OGGI