Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
user
22 maggio 2018

Ancelotti Napoli, ci siamo: tre ore di incontro con De Laurentiis a Roma. Tutte le NEWS

print-icon

Da sogno a ipotesi concreta: il Napoli va verso il cambio in panchina e potrebbe essere uno dei migliori allenatori del mondo a sostituire Maurizio Sarri. L'ex allenatore del Bayern ha visto i vertici del club negli uffici della Filmauro: tre ore di incontro a Roma. Le parti si rivedranno nelle prossime ore

ANCELOTTI-NAPOLI: LE ULTIME NOTIZIE LIVE

SARRI, ECCO LA PRIMA OFFERTA DELLO ZENIT

HAMSIK CERCA NUOVI STIMOLI LONTANO DA NAPOLI?

Sky Calcio: Serie A TIM 7 partite su 10 ogni turno

Il Napoli è pronto a cambiare allenatore, dopo i dubbi di Maurizio Sarri. E Aurelio De Laurentiis, che ha definitivamente rotto gli indugi, ha ormai deciso di puntare su Carlo Ancelotti, uno dei migliori allenatori del mondo, attualmente senza squadra. Ancelotti non è più un sogno impossibile: contatti ci sono già stati nei giorni scorsi. In serata, quando erano da poco passate le 21:30, l’ex allenatore del Bayern, in compagnia di sua moglie, è entrato negli uffici della Filmauro a Roma in via Ventiquattro Maggio, a due passi dal Quirinale per discutere proprio di un suo approdo sulla panchina del Napoli nella prossima stagione. Venti minuti prima circa, era arrivato direttamente da Milano anche il presidente Aurelio De Laurentiis, accompagnato dall’amministratore delegato Chiarelli e da suo figlio Luigi. Il patron del Napoli ha partecipato a Milano all'Assemblea di Lega, ma è stato il primo a lasciare l’incontro e a ripartire verso la Capitale a causa del summit evidentemente già programmato con l’ex allenatore del Bayern. Ora, la trattativa tra Napoli e Ancelotti potrebbe essere alla svolta definitiva. L’incontro, che era stato programmato per mercoledì mattina, è stato anticipato alla serata ed è durato tre ore circa. A mezzanotte e venti, la terza auto con a bordo il sogno del Napoli per la panchina ha lasciato la Filmauro. Prima di lui, l'avevano fatto Edoardo De Laurentiis, poi anche il fratello Luigi insieme a Chiavelli. Le parti si rivedranno anche nelle prossime ore

De Laurentiis e l’ultimatum di domenica a Sarri

Poco dopo l’ultima partita contro il Crotone, che ha chiuso il campionato del suo Napoli, parlando alla Radio ufficiale del club, Aurelio De Laurentiis aveva messo fretta a Maurizio Sarri. “Per me la data non c’è più, il tempo scaduto, perché a un certo punto l’abbiamo affrontato questo problema, in tutti i modi, poi io mi devo prendere la responsabilità: dobbiamo andare avanti. Non è detto comunque che vada via, c’è una clausola: vediamo cosa accadrà”.
 

Carlo Ancelotti: palmares e carriera

Carlo Ancelotti è un top allenatore. Nonostante l’esonero dal Bayern di qualche mese fa, ha vinto dappertutto. Anche al primo anno in Germania. Uno dei pochi allenatori ad aver portato a 'casa' tre Champions League (due sulla panchina del Milan, una su quella del Real Madrid), e altrettante Supercoppe europee. Ma se è tanto amato, l’allenatore emiliano lo deve anche al suo carattere, da secondo padre nei confronti dei suoi giocatori, come ha sottolineato nei giorni scorsi Andrea Pirlo nel corso de "I Signori del calcio" su Sky Sport. Ancelotti è stato anche l’allenatore ad aver riportato la Champions League, la Decima, quella della "maledizione", in casa Real Madrid dopo dodici lunghi anni di digiuno. Dall’Italia, all’Inghilterra, passando per Francia, Spagna e Germania, ha vinto come dicevamo dappertutto. Dopo essere partito con un ruolo da vice di Sacchi in Nazionale (dal ’92 al ’95), è passato alla Reggiana in Serie B, con la quale ha raggiunto primo posto e promozione in Serie A. Dalla Reggiana al Parma (nel ’96), con cui ha raggiunto prima il secondo posto (con qualificazione alla Champions) e poi un quinto posto. Nel ’99 sostituisce Marcello Lippi alla Juventus: sarà quella la stagione forse meno fortunata dell’allenatore di Reggiolo: un quinto posto in campionato e una semifinale di Champions persa. Due secondi posti nei due anni successivi. Dal 2001 passa a sostituire Terim sulla panchina del Milan. In rossonero la sua carriera prende il volo: vince: uno scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa, due Champions, due Supercoppe europee e un Mondiale per club. Nel 2009 allena il Chelsea che vincerà con lui una Premier, un Community Shield, una Coppa d’Inghilterra. Dopo essere stato esonerato a fine 2011 dal Chelsea, ha ricominciato a dicembre dal Psg. Anche qui vittoria del campionato. Sulla panchina del Real Madrid (dal 2013) vince una Coppa del Re, una Champions, una Supercoppa europea e un Mondiale per club. È stato esonerato a fine stagione 2015, dopo essere stato eliminato dalla Juve in Champions, e aver raggiunto il secondo posto in Liga dietro al Barcellona. Nel dicembre 2015 riparte dal Bayern Monaco dove vince una Bundesliga e due Supercoppe di Germania. Il resto è storia dei giorni nostri: l’esonero, il ritorno di Heynches sulla panchina di quelli che si confermeranno a fine stagione campioni di Germania. Dopo alcune voci sulla possibilità di diventare Ct della Nazionale, ora la possibilità Napoli.

 

Speciale calciomercato 2018: tutti i video

LE ULTIME NOTIZIE DI SKYSPORT

I PIU' LETTI DI OGGI