Giro d'Italia 2018, parte il toto partecipanti: chi sfiderà Chris Froome?

Ciclismo

Con Aru e Dumoulin praticamente certi di essere al via a Gerusalemme, comincia la scrematura degli avversari del britannico del Team Sky. Nibali deciderà tra qualche giorno, mentre Chaves, Valverde e Pinot strizzano l'occhio alla prossima Corsa Rosa

GIRO 2018, TAPPE E PERCORSO

Rientrato il caso Gerusalemme, l'attenzione del Giro 2018 si sposta esclusivamente su un'unica questione: chi sarà alla partenza del prossimo 4 maggio? Di sicuro c'è solo la presenza di Chris Froome, che con un videomessaggio ha ufficializzato la sua partecipazione alla Corsa Rosa: il vincitore di quattro Tour de France e dell'ultima Vuelta ha come obiettivo la corsa italiana, per potersi iscrivere al ristretto club dei corridori che hanno vinto tutti e tre i grandi Giri. Lo sbarco del fenomeno del Team Sky ha sparigliato le carte nel gruppo. Tra i big, l'unico che sembra certo della partecipazione è Fabio Aru, due volte sul podio ma assente al Giro dal 2015. Il neo capitano della UAE Emirates ha nel mirino la maglia rosa, grazie anche a un percorso che sembra cucito addosso allo scalatore sardo, con i suoi otto arrivi in salita. Ancora incerto invece il programma di Vincenzo Nibali, che anche nel giorno della presentazione a Milano è restato vago sui programmi per il 2018. L'obiettivo numero uno è il Mondiale in Austria a settembre, così come forte è il richiamo del Tour vinto nel 2014: secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, la Bahrain-Merida porterà sicuramente Domenico Pozzovivo alla Corsa Rosa, con lo Squalo che si è preso ancora qualche giorno per decidere se tentare il tris nella competizione a lui più cara. 

Tentazione Pinot, ci sarà anche Valverde

Tom Dumoulin non sembrava entusiasta del percorso stilato dagli organizzatori. "Non dirò niente fino a gennaio", ha detto l'olandese della Sunweb, campione in carica e deluso probabilmente dagli appena 45 km a cronometro divisi in due tappe. Sempre secondo la Gazzetta però, Dumoulin sarà al via da Gerusalemme al 100%. Salgono le quotazioni di Thibaut Pinot, che si è detto entusiasta delle tante montagne presenti nelle 21 tappe del Giro numero 101: "Sono piacevolmente sorpreso – ha detto il capitano della FDJ a Ouest France – Ancora una volta il Giro offre un percorso davvero molto bello, che mi attira. Le ultime 2-3 salite di montagna sono abbastanza impressionanti: ci sono otto arrivi in salita, che corrisponde alla media del Giro, e per me è un bene. Sono queste le tappe che mi si addicono e quando ce ne sono otto puoi giocarti il successo". Con Nairo Quintana che punterà tutto sul Tour (così come Bardet e Uran), la Movistar sceglierà il capitano fra Alejandro Valverde (favorito) e il neo acquisto Mikel Landa, mentre l'Astana nel dopo Aru si affiderà a Miguel Angel Lopez. Un altro colombiano atteso al via è Esteban Chaves, secondo dietro a Nibali nel 2016. Al via anche il sudafricano Louis Meintjes e il russo Ilnur Zakarin, terzo all’ultima Vuelta. Gli estremi per vedere i fuochi d'artificio sulle strade del Giro ci sono già tutte, nonostante sia solo il mese di dicembre...

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.