Giro, Carapaz si gode il trionfo: "Ancora non ci credo". Nibali 2°: "Nessun rimpianto"

Ciclismo

Storico trionfo per Carapaz nella 102^ edizione del Giro d'Italia. Una gioia condivisa con la famiglia e tutti i suoi tifosi ecuadoriani: "Devo questo momento ai miei genitori, non sapevo che sarebbero venuti per festeggiarmi". Secondo posto per lo Squalo, che sale per la sesta volta sul podio della corsa rosa: "Richard ha meritato il successo"

CARAPAZ VINCE IL GIRO D'ITALIA

LE CLASSIFICHE

Le prime parole di un emozionato Richard Carapaz, dopo aver conquistato il 102° Giro d’Italia al termine della cronometro di Verona vinta dallo statunitense Haga: “E' una sensazione unica, ancora non ci credo. E' un sogno, ma anche la ricompensa a tutti i sacrifici ai quali mi sono dovuto sottoporre. Ancora non me ne rendo conto. Devo questo momento ai miei genitori, non sapevo che sarebbero venuti per festeggiarmi: la famiglia è la mia ragione di vita". Vincenzo Nibali ha chiuso al secondo posto il Giro d’Italia, con un ritardo di 1’05” dall’ecuadoriano: "Non ho alcun rimpianto, tutti quanti abbiamo disputato un bel Giro d'Italia, che è stato molto combattuto. Ho avuto dei grandi rivali, Carapaz ha dimostrato di essere forte e di meritare. Tutti i leader ci siamo controllati stretti, marcati, soprattutto nella prima parte del Giro, poi non è stato semplice recuperare. Carapaz non ha rubato nulla, è stato fortissimo”.  Primoz Roglic è riuscito a scalzare dal terzo gradino del podio Mikel Landa per otto secondi: "Sono molto felice e fiero, penso che ognuno volesse vincere ma alla fine è come una vittoria. È stato bello vedere i miei rivali con i bambini, spero di portare anche io il mio sul podio di un Grand Tour". Lo statunitense Chad Haga invece si gode il successo nella cronometro di Verona: "Ho dato tutto, non riesco a credere di avere vinto. Ho passato tanti momenti difficili, ma finalmente ho vinto. E' una giornata speciale, un momento speciale. E' un premio per me e per tutti quelli che hanno creduto nelle mie qualità. Vorrei che mia moglie fosse qui, le ho detto io di non raggiungermi, ma forse è stato un grosso errore".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.