Chris Froome, stop di almeno 6 mesi secondo il chirurgo che l'ha operato

Ciclismo

Stagione finita per il campione britannico. Secondo il dottor Philippot, che lo ha operato in Francia, Froome dovrà restare lontano dalla biclicletta per almeno sei mesi: "La riabilitazione sarà lunga e difficile, ma Chris mi ha subito chiesto quando sarebbe potuto tornare a gareggiare"

FROOME, OPERAZIONE OK

L'INCIDENTE DI FROOME

Chris Froome dovrà osservare un periodo di "almeno sei mesi" lontano dall'attività agonistica. E' quanto afferma Remi Philippot, il professore che ha effettuato l'operazione chirurgica al quattro volte campione del Tour de France dopo aver riportato lesioni gravi nel corso di un’incidente ad alta velocità in una ricognizione prima della quarta tappa (a cronometro) del Criterium del Delfinato. Il campione britannico del Team Ineos aveva riportato la frattura del femore, del gomito e di alcune costole. Secondo quanto riporta la BBC, il medico francese si dice "non certo dei tempi di recupero, ma la riabilitazione sarà difficile. Magari avremo bisogno di valutare altri elementi. Siamo comunque molto felici dell'esito dell'intervento e del recupero di Chris". Subito dopo l'incidente di mercoledì, Froome era stato trasportato all’ospedale universitario di Saint-Ètienne e sottoposto a intervento chirurgico nella notte. L’operazione è andata bene ma, come spiega il Team Ineos, il ciclista rimarrà in ospedale per alcuni giorni. Il capo del Team britannico, Sir Dave Brailsford, ha confermato che Froome ha colpito un muro dopo aver tolto le mani dal manubrio della bicicletta per soffiarsi il naso mentre scendeva a una velocità di 54 km/h. "Appena si è risvegliato, Chris mi ha subito chiesto quando sarebbe potuto tornare in bici - ha detto il professor Philippot -. L'ho dovuto rallentare, so come sono gli sportivi professionisti, ma dobbiamo essere pazienti con questo tipo di fratture". Froome salterà dunque il Tour de France, che comincerà il 6 luglio prossimo, ma anche Vuelta (assegnatagli a tavolino dall'UCI dopo la squalifica dello spagnolo Cobo, vincitore nel 2011) e Mondiali, per potersi con ogni probabilità ripresentare al via della prossima stagione nel 2020.  

I più letti