Wolff: "L'addio di Rosberg uno choc"

Formula 1
toto_wolff_mercedes_lapresse

Il manager austriaco ha svelato alcuni retroscena sulla separazione dal pilota campione del mondo, ma è già carico di motivazioni in vista della stagione di F1 che sta per cominciare

Tre anni da direttore esecutivo della Mercedes e tre mondiali portati a casa. Ma a Toto Wolff evidentemente non basta. Continua ad avere la stessa fame e la stessa tranquillità di sempre, a prescindere da qualunque tempesta è pronta a scatenarsi di fronte a lui: “Non sono calmo – dice l’austriaco al Corriere della Sera – ma cerco di equilibrare passione e ragione. Il mio campo è lo sport e non la politica, devo produrre divertimento e spettacolo”. Neanche l’addio di Rosberg è riuscito a smuoverlo: “All’inizio è stato uno choc. Dopo la vittoria di Abu Dhabi avevamo passato due giorni insieme e non mi aveva detto nulla. Me l’ha comunicato quando sono atterrato a Francoforte. Poi ho capito che questa decisione poteva creare per noi nuove opportunità. Dopo anni di battaglie tra piloti all’interno del team era l’occasione giusta per resettare tutto. È normale che ci sarà rivalità anche tra Hamilton e Bottas, ma la mia preoccupazione è che la macchina sia competitiva”.

L’erede di Nico – Il direttore esecutivo della Mercedes spiega la scelta di puntare sul finlandese: “Non volevo creare una rivalità troppo accesa fin da subito, ma volevo un pilota che spingesse l’altro a dare il massimo. In una squadra devi avere lo yin e lo yang. Non era semplice trovare uno come Nico, un ragazzo intelligente e veloce, tra i più competitivi degli ultimi anni. Nella prossima stagione il mercato piloti sarà molto aperto e dovremo valutare i progressi del team junior. Se Valtteri dovesse rispettare le nostre aspettative continuerà ancora con noi, ma vogliamo avere le mani libere".

Il momento del ritiro – “Per me non è ancora arrivato. Il cambio del regolamento apre nuove possibilità a tutti e per me è un’altra sfida per dimostrare la forza della Mercedes e vincere. È la competizione che mi tiene vivo. Anche James Allison è iper-competitivo ed è per questo che l’ho scelto per entrare nel team: sa combinare capacità e personalità. Lo volevo in passato ma non era disponibile, in questa stagione potrà riscattarsi con noi dopo aver vissuto un anno terribile a livello personale e professionale”.

Possibili rivali – “La Ferrari è cresciuta, è molto veloce, ma non so chi sarà il nostro rivale più forte. La Red Bull è ancora ingiudicabile. Nel 2009 ci fu un altro cambio nel regolamento e chi si aspettava vincesse la Brawn? Preferiamo guardare in casa nostra perché abbiamo tanta fame di successi. Ecclestone? Sarà strano senza di lui, ma ci abitueremo”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche