GP d'Australia, storia di una gara sottosopra

Formula 1

Simone De Luca

GettyImages-1243720

Ventidue anni di storia, colpi di scena, vittorie memorabili. Il film del GP d'Australia attraverso gli episodi chiave ed i protagonisti che hanno fatto la storia del tracciato

Per toglierci dall'imbarazzo andiamo in ordine cronologico. Ripercorrere la storia del Gran Premio d’Australia e scegliere solo alcuni episodi: 1985, Adelaide. La prima edizione vede l’ultima vittoria di Keke Rosberg in carriera.
Dei flash, dei momenti da ricordare, non è cosa semplice. Perché "down under" si è corso o come ultima gara della stagione, con emozioni di titoli da assegnare, ritiri e ultime vittorie o come apertura di mondiale con debutti, monoposto e valori in campo tutti da scoprire.

1986 - Una gomma che esplode, Mansell che perde il mondiale e dovrà poi aspettare sei stagioni per rifarsi.

1991 - La gara più corta della storia, l’ultima del tre volte campione del mondo Nelson Piquet. Venticinque minuti, diciassette giri, quattordici per la classifica ufficiale e una vittoria di Ayrton Senna nell’anno dell’ultimo mondiale.

1993 - Si corre ancora ad Adelaide come ultima gara della stagione. Ultima. mai parola fu più azzeccata per descrivere una corsa: è la gara dell’addio definitivo di Prost dopo il quarto titolo e l’ultima vittoria, appunto, per Ayrton Senna. Con quella stretta di mano sul podio che segnò la fine vera della più feroce e affascinante rivalità della storia della Formula 1.

1994 - I protagonisti sono già altri: Hill e Schumacher. Il primo titolo del tedesco arriva con quel contatto secco, violento, forse anche galeotto. Tutto regolare, si direbbe nel calcio. E primo di 7 mondiali in bacheca.

1996 - Cambio di circuito, si arriva a Melbourne, e di calendario: prima gara della stagione.
Prima amara per Schumacher in Ferrari: ritiro per problemi di freni.

2000 - L'anno che inaugura il dominio della Ferrari. Arriva la prima delle 3 vittorie consecutive (4 in totale) di Schumacher a Melbourne. Dominio all’Albert Park e dominio nel mondiale.

2001 - Esordiscono in Formula 1, in rigoroso ordine alfabetico: Fernando Alonso, Enrique Bernoldi, Juan Pablo Montoya e Kimi Raikkonen. Il futuro è ancora da scrivere ma insieme intanto sono arrivati a 59 vittorie e tre titoli mondiali. E senza l’aiuto di Bernoldi.

2005 - La sveglia va messa ancora prima del solito: le qualifiche del sabato interrotte per un nubifragio con Fisichella in pole provvisoria, vengono terminate alla domenica. Il romano parte in pole e vince la sua seconda gara in carriera.

2007 - Il primo dell’era post Schumacher. A prendere il suo posto in Ferrari arriva Kimi Raikkonen. Esordio con vittoria davanti ad Alonso e ad un promettente debuttante: un certo Lewis Hamilton.

2011 - Prima e unica vittoria di Vettel in Australia. Con il numero 1 sul muso dopo il titolo dell’anno prima, Seb si avvia a dominare una stagione in cui vincerà per ben 11 volte.

2014 - Praticamente più cronaca che storia: vince Nico Rosberg che contenderà fino all’ultima gara, quella di Abu Dhabi con punteggio doppio per intenderci, la vittoria nel mondiale a Lewis Hamilton. Ma Melbourne 2014 segna soprattuto l’esordio delle Power Unit, mostri tecnologici e futuristici che rappresentano la F1 del futuro. Segna l’ultima grande rivoluzione in pista. L’ultima prima di questa Motorevolution 2017.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche