Hamilton da paura, ma la Ferrari a Baku deve mantenere la calma

Formula 1

Mara Sangiorgio

Quinta pole del 2017, la 66^ in carriera. E con la prima a Baku, Lewis spunta anche l’ultima casella vuota che gli mancava da riempire sulle piste del Mondiale. Lauda lo esalta: "Tutto merito suo". Ma la Ferrari non deve cadere nel panico. La gara domenica a Baku: dalle 15 live IN ESCLUSIVA su Sky Sport F1 HD (canale 207)

CLICCA QUI PER RIVIVERE LE QUALIFICHE

LA GRIGLIA DI PARTENZA

"Il merito è tutto suo". Non usa giri di parole Niki Lauda per descrivere l’impresa fatta in qualifica da Lewis Hamilton. Ed è anche giusto così perché non serve altro per commentare il giro record del tre volte campione del mondo. Quinta pole del 2017, la 66^ in carriera, e con la prima a Baku Hamilton spunta anche l’ultima casella vuota che gli mancava da riempire sulle piste del Mondiale. Ma è soprattutto il distacco, tra lui e gli altri, che è di quelli pesanti: di quattro decimi dal compagno Bottas e più di un secondo dai due ferraristi che devono accontentarsi della seconda fila.

Dalla notte al giorno: in Mercedes venerdì avevano totalmente sbagliato assetto, ma con una monoposto più equilibrata che ha permesso di lavorare meglio con le gomme non c’è stata proprio battaglia. Raikkonen terzo, Vettel quarto: il divario dalla pole è enorme ma è proprio il tedesco a non voler cadere nel panico, sapendo persino che il ritorno a una vecchia power unit tra la terza sessione di libere e la qualifica non ha certo semplificato le cose.

La seconda fila era l’obiettivo minimo e forse massimo per la Ferrari. Contando che alle spalle c’è almeno una delle due Red Bull, quella di Verstappen, che a Baku sul giro secco è sembrata una vera minaccia. La gara sarà un'altra storia. Ne è convinto Sebastian Vettel. Ma fin dalla partenza bisognerà essere più che perfetti.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche