Mondiale, giochi aperti: Vettel, Hamilton e il terzo incomodo Bottas

Formula 1

Mara Sangiorgio

GettyImages-811270734

E’ un Mondiale bello e avvincente che potrebbe accogliere un altro pretendente al titolo. Bottas si gode la vittoria, rilancia le sue ambizioni iridate e si porta a meno 15 da Lewis. Contestualmente, Vettel consolida la leadership allungando a più 20 su Hamilton

LA CLASSIFICA DEL MONDIALE

ORDINE D'ARRIVO

IL CALENDARIO

E’ una lotta a due, perché no, che potrebbe diventare a tre. Come ha dimostrato senza indugi Valtteri Bottas. Lui, il timido finlandese arrivato in punta di piedi in Mercedes solo a gennaio, in Austria è stato perfetto. Dalla pole position fino alla bandiera a scacchi. Bruciando letteralmente tutti al via – tanto che sia Vettel che Ricciardo pensavano avesse fatto una falsa partenza - e gestendo senza sbavature la rimonta del ferrarista negli ultimi giri. Ora i punti che lo separano dal compagno Hamilton sono solo 15. Mentre 20 quelli tra il leader Sebastian Vettel e il tre volte campione del mondo della Mercedes.

Il tedesco, tornando sul podio dopo due gare, ha allungato in classifica ma non riesce a sorridere del tutto perché la vittoria è stata a un passo, anzi a sei decimi. Ma invece dovrebbe. La Rossa nelle sue mani al Red Bull Ring è stata praticamente al livello della Mercedes, o comunque vicinissima: sia sul giro secco che in gara, anche se Vettel ha sofferto un po’ nel primo stint con le gomme più morbide per poi riprendersi alla grande nel finale.
E dovrebbe sorridere ancor di più, come ha fatto Daniel Ricciardo sul podio, pensando che Lewis Hamilton invece ha potuto guardare solo dal basso, quarto. L’inglese con tutta probabilità, adesso, avrà anche un rivale in più, un’altra volta dentro al box, un rivale che alla parola mondiale non dice di no.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche