Formula 1, Ricciardo il samurai: "Provo il sushi, mi diverto col kendo e nel 2018 sarò..."

Formula 1

Il pilota della Red Bull, nella conferenza stampa di Suzuka, ha parlato del suo rapporto con questo paese, il suo cibo ("Sto provando a mangiare sushi") e le usanze. Poi sulla prossima stagione: "Ho un contratto e non credo che qualcuno si sia lamentato dopo la mia gara in Malesia. Sarebbe un problema non essere competitivi nel 2018". In tv la diretta del GP è su Sky Sport F1 HD (canale 207), sul web segui il nostro live-blog

LA CONFERENZA PILOTI

IL PROGRAMMA DI SUZUKA

CALENDARIO CLASSIFICHE

"Il Sol Levante?  Beh, ma il sole non è che sorge sempre qui in Giappone...  L'esperienza più bella di questi primi giorni è stata in un ristorante di sushi, di quelli dove devi prenotare parecchio tempo prima". Il GP di Suzuka per Daniel Ricciardo è cominciato a tavola ed è proseguito con uno sgaurdo al futuro in Red Bull. L'australiano ne ha parlato nella conferenza stampa del giovedì, e lo ha fatto con il sorriso e la leggerezza di sempre. Ovvero gli ingredienti che lo hanno reso uno dei piloti più amati del Mondiale.

Daniel: "Io e il sushi..."

"Avevo prenotato con un anno di anticipo in questo ristorante ed è un anno che cerco di mangiare questo cibo crudo. O almeno ci provo... Non voglio di mancare di rispetto a questo Paese. Ho provato anche il kendo (arte marziale, ndr). Ed è stato molto divertente. Ho l'impressione che il Giappone si sia aperto di più all'Occidente".

Tra Sepang e Suzuka

"Ho pensato che se Bottas non mi avesse passato in partenza avrei potuto lottare di più con Hamilton, ma sono pensieri fatti nel post gara e non durante. Comunque sono contento del podio - ha detto Ricciardo sul precedente GP - Il nostro è tra i migliori telai della F1, da Monza abbiamo visto miglioramenti netti e in c'è stata la conferma. Se non siamo i più veloci, ci siamo quasi. E qui, a Suzuka, potrebbe arrivare un'altra prova positiva".

Red Bull: contratto e prospettive

"Il mio contratto scade l'anno prossimo. Al 99% so che avrò un sedile per il prossimo anno, ma con il team non abbiamo ancora parlato di quello che verrà dopo. L'anno prossimo dovrei correre - aggiunge sorridendo Daniel -. Nessuno era deluso dopo la Malesia. Siamo diventati più forti e siamo riusciti a competere più regolarmente con la Mercedes. Bottas ha avuto qualche difficoltà e siamo riusciti a rosicchiare punti. C'è ancora una possibilità di arrivare tra i primi tre. Se non dovessimo essere competitivi il prossimo anno sarebbe un problema, la Mercedes vince da troppo tempo". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche