Formula 1, gli orari del GP del Messico in tv

Formula 1
hamilton_messico_2016_getty

Si scende in pista per il 18esimo GP della stagione di F1. Per Hamilton la seconda possibilità di vincere con anticipo il suo 4° titolo Mondiale. La Ferrari lotterà fino alla fine: sono 66 i punti che dividono il britannico da Hamilton. Domenica il GP è in diretta su Sky Sport F1 HD (canale 207) e anche su Sky Sport 1 in Super HD. Sul web il nostro Live-Blog con tutte le news, i tempi, i video e le foto in tempo reale

RIVIVI QUI LE QUALIFICHE TEMPI - GUIDA TV

GRIGLIA DI PARTENZA

HAMILTON CAMPIONE SE...

Città del Messico, terz’ultima tappa del Mondiale 2017. E' qui che Lewis Hamilton avrà il secondo match point per vincere il suo 4° titolo. Il pilota inglese dovrà arrivare tra i primi cinque del GP Messico. Salvo imprevisti, il duello con la Ferrari e Sebastian Vettel sembra sempre più vicino all'epilogo favorevole al britannico. Ovviamente la Ferrari, reduce dalla doppietta Seb-Kimi ad Austin, proverà fino alla fine a tenere vice le speranze di conquistare il titolo. 

Hamilton campione se...

Lewis guida la classifica con 331 punti, 66 in più del ferrarista, unico a essere ancora in gioco per la matematica, con 75 punti da assegnare. I calcoli sono piuttosto semplici: perché Hamilton possa festeggiare già domenica sera il titolo piloti, dovrà non perdere 16 punti da Seb. Lewis è campione del mondo a Città del Messico se:

- finisce la gara almeno quinto, anche in caso di vittoria di Vettel;
- finisce la gara almeno nono, in caso di secondo posto di Vettel;
- Vettel finisce la gara dal terzo posto in giù.

Il GP su Sky Sport

Il Gran Premio del Messico è in diretta su Sky Sport F1 HD (canale 207), con la gara di domenica anche su Sky Sport 1 in Super HD. Occhi puntati, dunque, su Hamilton: Sky racconterà il momento storico del campione della Mercedes, con clip e speciali dedicati, ripercorrendo anche la storia dei più celebri pluricampioni del mondo. In pista anche la Porsche Super Cup.  

Le statistiche

  • Sarà il 18esimo GP del Messico, tutti corsi all’Autodromo Hermanos Rodriguez di Città del Messico.
  • Nel 2015 si è tornati a correre in Messico dopo 23 anni di assenza. Qui si è corso in due parentesi precedenti, la prima dal 1963 al 1970 e la seconda dal 1986 al 1992.
  • Il primo GP del Messico è datato 27/10/1963. Di seguito il podio: Clark (Lotus); Brabham (Brabham), Ginther (BRM).
  • È l’unico circuito nella storia della F1, tra i 26 in cui si sono corse almeno 10 gare, in cui nessun pilota è mai riuscito a vincere due gare consecutive.
  • 3 pole consecutive (record del GP) di Prost dal 1963 al 1965.
  • 9 volte su 17 (il 52,9% sul totale) ha vinto chi è partito dalla pole, l’ultima volta nel 2016 con Hamilton.
  • 3 gli hat trick, due di Jim Clark (uno nel 1963 e uno nel 1967) e uno di Rosberg (nel 2015).
  • Il pilota più giovane ad imporsi nel GP degli USA è stato Ayrton Senna nel 1986, all’età di 26 anni e 6 mesi.
  • Il pilota più anziano ad imporsi nel GP degli USA è stato Jack Brabham a 43 anni e 6 mesi nel 1968.
  • 7 le vittorie dei piloti britannici, 2 per i francesi e per gli statunitensi. Unica vittoria di un pilota italiano: Patrese nel 1991.

Numeri e curiosità: in Messico primo podio in carriera per Schumi

Il 22 marzo del 1992 Michael Schumacher, alla sua ottava gara in Formula 1, conquista il primo storico podio dei 155 (record all-time) raccolti nella sua carriera. Andando ancora a ritroso, (24 giugno 1990) Ayrton Senna corre il suo GP numero 100 mentre Alain Prost conquista la sua 41esima vittoria, aggiornando il record di successi in F1 che già gli apparteneva. Il 18 ottobre del 1987 il Gran Premio si disputa con l’inusuale formula di due gare in una: al 31esimo giro Derek Warwick con la sua Arrows viene catapultato nelle barriere con un incidente violentissimo, facendo così rotolare tutti i copertoni di protezione in pista. La direzione di gara espone la bandiera rossa e decide di ripartire più tardi con una nuova griglia. I tempi del primo spezzone di gara verranno poi sommati ai tempi dei piloti del secondo spezzone, andando a costituire la classifica finale. Alla fine vincerà Mansell (che già era primo al momento dell’interruzione) in un GP in cui solamente 4 vetture sulle 26 al via riusciranno ad arrivare al traguardo. Solo nel Gran Premio di Monaco del 1996, quando concluderanno la gara in tre, si avranno meno piloti all’arrivo.

La programmazione

Si parte giovedì 26 ottobre alle 18 con la conferenza stampa dei piloti, seguita alle 20 dal riepilogo degli argomenti più caldi del weekend nel Paddock Live Pit Walk, condotto da Federica Masolin. Venerdì si scaldano i motori con le prime due sessioni di prove libere (alle 17 e alle 21), mentre sabato – dopo la terza sessione di libere delle 17 – in programma le qualifiche, alle 20.Domenica alle 20 la gara, con il commento di Carlo Vanzini, Marc Gené e gli interventi di Roberto Chinchero. Federica Masolin è la padrona di casa dei Paddock Live. Insieme a lei per commenti e analisi, Jacques Villeneuve e Davide Valsecchi.  Nello studio di “Race Anatomy” (domenica all’1 di notte), accanto a Fabio Tavelli, ci saranno – tra gli altri – Leo Turrini e Matteo Bobbi.

IL GRAN PREMIO DEL MESSICO IN DIRETTA SU SKY SPORT F1 HD
Domenica la gara anche su Sky Sport 1 in Super HD  


DOMENICA 29 OTTOBRE
Ore 17.25: Porsche Super Cup – Gara 2  
Ore 18.25: Paddock Live Gara  
Ore 20.00: F1 – Gara (repliche nella notte)
Ore 22.00: Paddock Live
Ore 22.30: Paddock Live Ultimo Giro 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche