Williams, Stroll promuove la sua prima stagione in F1: "Sicuramente da otto e mezzo"

Formula 1

Il pilota canadese si racconta al magazine tedesco Auto Motor und Sport parlando dei primi 12 mesi vissuti con la scuderia inglese: "Posso ancora migliorare, devo lavorare sui piccoli dettagli. All'inizio è stata dura ma ho sempre ascoltato le persone che lavorano con me e sono migliorato. Non leggo i commenti di chi non mi apprezza"

LO SPECIALE DELLA FORMULA 1

Ha stupito tutti nel suo primo anno di Formula 1 raccogliendo un terzo posto in Azerbaigian e arrivando a punti in ben sette Gran Premi del Mondiale. Lance Stroll è stato protagonista di una stagione più che positiva e anche lui lo conferma in un'intervista al magazine tedesco Auto Motor und Sport, dove è stato chiamato a tracciare un bilancio dei primi 12 mesi con la Williams: "Sono stato sul podio in prima fla e - spiega - ho conquistato punti in diverse gare. È una stagione da otto e mezzo, dieci direi di no e nove sarebbe troppo. Quello che voglio è finire bene la stagione". 

Chiamato ad un grande 2018 che non vedrà più Felipe Massa come suo compagno di scuderia (il brasiliano dirà addio alla F1 a fine stagione), Stroll ha poi continuato: "Ho imparato tanto, sono arrivato dalla Formula 3 e ho dovuto abtuarmi a tanti cambiamenti. Quando guardo dietro alla prima parte del campionato vedo molti momenti difficili che ho vissuto. Poi siamo stati protagonisti di alcune belle battaglie e di situazioni davvero positive." 

Le ragioni dei tanti ritiri

Stroll ha anche spiegato il perché delle tante sue difficoltà nelle gare di inizio stagione che lo hanno costretto a vari ritiri: "In Cina e in Bahrain non è stata colpa mia - spiega il pilota canadese - mentre in Australia c'è stato un problema ai freni. Sono cose che possono succedere e soprattutto sono accadute al di fuori della mia volontà". Parole anche sulle critiche ricevute: "Non leggo i giornali o i commenti di chi non mi apprezza. Ho ascoltato molto le persone che lavorano con me e mi vogliono bene. Non mi sono mai lasciato distrarre perché sapevo cosa avrei potuto fare insieme alla mia scuderia".

Stroll ha poi concluso sottolineando quanto ancora può migliorare in F1: "In qualifica sono stato spesso sfortunato, in Giappone ho preso ad esempio la bandiera rossa e il traffico. Ad Austin ho invece avuto un problema al motore che mi è costata parecchia velocità nel rettilineo. Posso ancora crescere e migliorare ovunque. Sono molto giovane, è la mia prima stagione e posso diventare un pilota migliore. Devo lavorare sui piccoli dettagli che mi permetteranno di fare delle grandi prestazioni".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche