Formula1, SkySpy: la SF71H fa già paura, ma il vero esame è per la power unit

Formula 1

SkySpy

ferrari_sondaggio_02

I rumors dicono che la Rossa di Maranello sià già un riferimento per il telaio, ma la partita per il mondiale di Formula 1 2018 sembra destinata a giocarsi a livello di Power Unit. Qui la sfida con Mercedes, riconosciuta da tutti come il top assoluto, sarà durissima.

Dal 26 febbraio la prima sessione di test a Barcellona, da seguire su SkySportFormula1HD (canale 207 tutte le sere con lo speciale Race Anatomy ore 20.00), SkySport24 e su skysport.it

CLICCA QUI PER LA QUARTA GIORNATA DI TEST A BARCELLONA

LA FORMULA 1 IN ESCLUSIVA SU SKY PER I PROSSIMI 3 ANNI

SCARICA IL CALENDARIO IN PDF

Un addetto ai lavori ha riassunto il suo pensiero in poche parole: "A Maranello per molti anni si tribolava per cercare quel carico aerodinamico che non si trovava mai, ma oggi sul fronte autotelaio la Ferrari non teme nessuno, o comunque si sente sicura di potersela giocare. Ma non sappiamo se la power unit sarà all'altezza di quella Mercedes, li è un'altra storia". I test di Barcellona, che scatteranno domani, daranno una prima indicazione in merito, e gli avversari della rossa terranno gli occhi ben aperti per capire se la SF71H sarà spinta da una cavalleria sufficiente ed affidabile per mettere le ali ad una vettura che incute già timore.

In una Formula 1 che ha reso le presentazioni delle nuove monoposto un esercizio mirato a nascondere tutto ciò che varrebbe la pena di vedere, c'è un ristrettissimo gruppo di addetti ai lavori che ha il polso di quanto accade. Ovviamente non sono opinioni maturate osservando le monoposto (alcune dei veri e proprio fake che potremmo definire opera di abili "fotoscioppari") ma indicazioni tecniche sugli obiettivi che si erano posti i team prima di iniziare con i nuovi progetti ed i risultati raggiunti nelle simulazioni con le vetture completate.

In questa singolare classifica la Ferrari SF71H sembra essere la monoposto di riferimento, il risultato di una linea di pensiero che ha esordito nel 2017 ed affinata in ogni sua componente. A Maranello la fiducia in se stessi è sempre più una realtà, ma resta un punto interrogativo: la power unit. Sono in tanti nel paddock a credere che già lo scorso anno a far pendere la bilancia tecnica a favore della Mercedes sia stato proprio il motore, e sarebbe questo il fronte su cui a Maranello c'è più apprensione. Se potenza, affidabilità e resa in qualifica saranno all'altezza della Mercedes, allora Vettel e Raikkonen avranno l'arma che serve per una stagione senza obiettivi preclusi.

FORMULA 1: SCELTI PER TE