Formula 1, GP d'Australia 2018: il commento di Leo Turrini

Formula 1

Un capolavoro d'astuzia, alla Schumi. Sebastian Vettel fa suo il GP di Melbourne e regala alla Ferrari un successo inaspettato almeno fino al 20° giro della corsa. Ma per Leo Turrini si può ancora migliorare tanto: soprattutto al sabato

Gli approfondimenti in Reparto Corse F1 ogni lunedì alle 14.30 su Sky Sport24 (canale 200)

GP D'AUSTRALIA, RIVIVI QUI TUTTE LE EMOZIONI

CLICCA PER TEMPI E ORDINE D'ARRIVO

IL CALENDARIO DELLA F1 2018, TUTTO IN DIRETTA SU SKY

Per i tifosi della Ferrari è stata una domenica davvero super. Il Mondiale 2018 parte col piede giusto: una vittoria di Sebastian Vettel voluta e strappata grazie soprattutto a una strategia perfetta, che porta anche la momentanea testa della classifica nel Mondiale costruttori: “È però soltanto il primo atto – spiega Leo Turrini -: adesso si va tra le dune del deserto del Bahrain dove peraltro la tradizione non è sfavorevole alla Rossa di Maranello. Quel che c’è da capire, e Vettel l’ha detto chiaramente nell’euforia del dopo gara, è se il margine che la Mercedes ancora sembra conservare, sia in qualifica soprattutto, che in gara, possa essere intaccato”. I meccanici della Rossa devono lavorare soprattutto su una cosa: “L’assetto per la caccia alla pole al sabato, perché non sempre ci sarà una virtual safety car come a Melbourne e quindi, riuscire a partire davanti è la vera sfida per il direttore tecnico Mattia Binotto, per Maurizio Arrivabene e per tutti gli uomini che coltivano il sogno rosso. La Ferrari non vince il titolo piloti da 11 anni, il titolo a squadre da 10 e visto che parliamo di deserto, questa traversata è stata anche troppo lunga. Quindi aspettiamoci qualcosa di ancora più incoraggiante dal GP di Sakhir tra un paio di settimane”.

Vettel e il metodo Schumacher

"Per la centesima presenza sul podio - analizza ancora Turrini -, Seb Vettel ha scelto il metodo Schumi. Vale a dire, si è ispirato a quello che è stato l’idolo della sua infanzia che è il campionissimo per milioni di ferraristi. E mi spiego: il modo in cui Seb ha governato l’emergenza, la maniera in cui è riuscito a inventarsi quel giro magico in presenza di safety car virtuale ha di fatto creato le condizioni per una vittoria sulla quale sinceramente alla vigilia e pure dopo una ventina di giri di Gran Premio nessuno avrebbe osato puntare. È stato il capolavoro di Ulisse: l’eroe dell’astuzia. In quel contesto a Melbourne era indispensabile per la Ferrari inventarsi qualcosa. Sono stati tutti bravissimi: dagli ingegneri che stanno nel garage remoto di Maranello, a Inaki Rueda lo stratega basco che prende le decisioni in un attimo di secondo, consultandosi via radio con il pilota. E poi la differenza l’ha fatta Vettel. E così Hamilton basito e sbigottito ha fatto la fine di Polifemo: certo questo non è l’inizio della fine, semplicemente la fine del principio. 1-0 per la Ferrari, 1-0 per Vettel e palla al centro".
 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.