Formula 1, GP Bahrain 2018: il meglio delle ultime 4 edizioni

Formula 1

Michele Merlino

La Formula 1 correrà al Sakhir per la 14esima volta, con Vettel pronto a bissare il successo dello scorso anno e centrare un uno-due incredibile. Qualifiche sabato dalle 17.00 (pre dalle 16.00) e gara domenica dalle 17.10 (pre dalle 15.30) in diretta esclusiva su SkySportF1HD canale 207 e con SkyQ l'incredibile definizione del 4K HDR

Gli approfondimenti in Reparto Corse F1 ogni lunedì alle 14.30 su Sky Sport24 (canale 200)

LA DIRETTA DELLE PROVE LIBERE

LA CLASSIFICA

IL CALENDARIO DELLA F1 2018, TUTTO IN DIRETTA SU SKY

2017

Bottas mette a segno la sua prima pole e conserva il comando alla prima curva, dove Vettel sopravanza Hamilton all’esterno, guadagnando la seconda posizione. La Ferrari è più veloce della Mercedes, ma non riesce a passare, quindi Sebastian si ferma ai box. La mossa viene parzialmente invalidata dalla Safety Car, ma alla ripresa Vettel si trova comunque in testa.
A questo punto è costretto a fuggire dalle Mercedes: stacca agevolmente Bottas, mentre Hamilton ha in serbo una sosta ritardata ed un miglior ritmo nel finale (ma è anche frenato da 5” di penalità da scontare alla suddetta sosta...). Lewis rimonta e riduce il distacco, ma alla fine Vettel ha margine per gestire il vantaggio.

2016

Vettel è fuori nel giro di formazione in una nuvola di fumo, lasciando le Mercedes ancora più sole dalla prima fila. Hamilton parte male, ed è pure speronato da Bottas alla prima curva, finendo in testacoda.
In pochi minuti vengono così messi fuori gioco due protagonisti.
Rosberg ha vita facile: in testa alla prima curva, usa i primi giri per costruire un vantaggio considerevole, mentre il suo principale rivale, Raikkonen, deve districarsi dal traffico. Rosberg vince controllando il finlandese, mentre Hamilton riesce a recuperare fino al terzo posto senza grossi sforzi.

2015

Raikkonen con una strategia controcorrente tiene sotto scacco le Mercedes ed impedisce la doppietta delle frecce d’argento. La strategia "standard" prevede due run con le gomme morbide ed uno finale con le dure, ma Kimi opta per uno stint centrale con le dure, mettendosi in condizione di attaccare nel finale.
Questo, unito ad un passo eccezionale nella suddetta fase centrale, fa sì che riesca a rimontare e passare Rosberg, conquistando la seconda posizione dietro ad un Hamilton che rischia di rimanere a piedi all'ultimo giro per un guasto all'impianto frenante.
L'altro ferrarista, Vettel, secondo in griglia ed al via, commette diversi errori in frenata per difendersi da Rosberg, fino a quando esce di pista e danneggia l'ala anteriore, ritrovandosi bloccato dietro a Bottas dopo la sosta per la sostituzione.

2014

Entusiasmante duello tra i piloti Mercedes, Hamilton e Rosberg. Rosberg è in pole (anche grazie ad un errore di Hamilton in qualifica), ma Hamilton prende la testa al via. Nel corso della gara Nico tenta diverse volte il sorpasso, riuscendo anche a sopravanzare Lewis, che tuttavia nello spazio di un paio di curve si riporta sempre davanti. Vince l'inglese e le Mercedes infliggono pesanti distacchi a tutti gli avversari.
Particolarmente in crisi la Ferrari: nel corso del weekend richiede alla FIA dei cambi regolamentari per favorire lo spettacolo, carente nelle prime due gare. Tali istanze trovano la ferma opposizione del presidente della federazione, Jean Todt.

I più letti