Formula 1, GP Spagna 2018. Vettel spinge già a tutta: "Ma di titolo parliamo a ottobre"

Formula 1

Alla vigilia del Gran Premio di Spagna, il pilota della Ferrari ha parlato del momento del campionato: "Non credo sia male poter lottare per la vittoria anche partendo dal 1° o dal 6° posto", e del campionato: "Con così tante gare inutile parlare della vittoria finale"

CLICCA PER LA CRONACA DEL GP DI SPAGNA

LA GRIGLIA DI PARTENZA

TUTTI I TEMPI E LE CLASSIFICHE

GLI ORARI DEL GRAN PREMIO IN TV

È un campionato del mondo molto appassionante. Alla vigilia del GP di Spagna Sebastian Vettel sembra molto felice di ciò: "Credo sia onesto dire che in Australia la Mercedes fosse la macchina più veloce o quantomeno avesse il pacchetto migliore. In gara credo che siamo stati più o meno sullo stesso livello noi, la Mercedes, la Red Bull". In qualifica la Ferrari va che è una meraviglia, ma nessuno riesce al momento a prendere il volo in classifica. "In qualifica noi abbiamo fatto quello che dovevamo fare - ha aggiunto il tedesco -, mentre altri forse hanno avuto qualche problema. Direi che la competizione è stata molto serrata ai vertici, ci sono dei piccoli dettagli che possono fare la differenza di giorno in giorno. Verso metà stagione arriveranno più aggiornamenti per tutti e vedremo quale sarà la situazione. Però credo non sia male che partendo dal primo e dal sesto posto sai di poter lottare per la vittoria in termini di pura velocità. Credo sia positivo anche per chi guarda, perché non sai mai cosa possa accadere".

"Il titolo? Parliamo a ottobre"

"Con così tante gare ancora da disputare - ha sottolineato ancora il pilota della Ferrari - credo non abbia molto senso parlare della lotta per il campionato perché al momento credo sia una lotta per sfruttare al massimo ogni gara a livello di risultato. La situazione sarà lineare per parecchio tempo, poi verso la fine della stagione, speriamo che molti di voi ci ricorderanno i problemi che abbiamo avuto all’inizio perché vorrà dire che saremo ancora in lotta. Prima di quel momento - ha concluso - è abbastanza inutile guardare i punti e cose di quel tipo. È naturale che si vuol concludere la gara e che vuoi vincerla. Quindi ottenere il miglior risultato possibile ogni weekend ti porta in una buona posizione per lottare per il campionato e questa è una notizia ovviamente positiva ma è inutile parlarne prima di ottobre”.

 

I più letti