F1, GP di Monaco 2018: il commento di Mara Sangiorgio dopo la conferenza piloti

Formula 1

Mara Sangiorgio

In conferenza stampa hanno confermato di non temersi ma di rispettarsi. Vettel e Hamilton pronti alla nuova sfida nel Principato di Monaco, con la certezza che non ritrovarsi nello stesso box è meglio per entrambi. Qualifiche sabato dalle 15.00 (pre dalle 14.00) e gara domenica dalle 15.10 (pre dalle 13.30) in diretta esclusiva su SkySportF1HD canale 207 e con SkyQ l'incredibile definizione del 4K HDR

CLICCA PER  IL GP DI MONACO LIVE

GLI ORARI DELLE REPLICHE

Non si temono ma si rispettano. Stuzzicati in conferenza stampa su una possibile convivenza nello stesso team Vettel e Hamilton ci scherzano su, sapendo che l’essere avversari sta bene a entrambi così com’è. Il tedesco ha rinnovato lo scorso anno con la Ferrari fino al 2020 e anche il campione del mondo in carica, nonostante la firma nero su bianco non l’abbia ancora messa, ha confermato che nel suo destino c’è ancora la Mercedes e nessun altro. Tra le strade del Principato la sfida quindi si riaccende. Ma mentre Lewis ci arriva da leader della classifica con 17 punti di vantaggio e vincitore delle ultime due gare, Seb ha dovuto lasciarsi velocemente alle spalle i numerosi punti interrogativi che ha aperto la gara di Barcellona per lui e la Ferrari, in termini di affidabilità e soprattutto prestazioni. Ma Monte Carlo è Monte Carlo: una pista speciale e diversa da tutte le altre piste, dove la Ferrari arriva con i dolci ricordi di dodici mesi fa. La pole di Raikkonen e la vittoria di Vettel danno la certezza al tedesco che è possibile ripartire da quelle sensazioni lì e da una macchina che è ulteriormente migliorata, chiudendo momentaneamente i fantasmi di Barcellona nel cassetto. Anche la Mercedes però ha i suoi, di fantasmi, e così pensando alle difficoltà del 2017 il team di Toto Wolff parte in difesa indicando nella Red Bull la grande favorita per questo weekend. Verstappen e Ricciardo ci sperano davvero: la RB14 ha dimostrato soprattutto nel settore più guidato del Montmelò di essere molto competitiva, ma nonostante ciò è il pilota australiano ad ammettere: Ferrari permettendo.

FORMULA 1: SCELTI PER TE