Formula 1, GP Italia: il tempio di Monza, una pista di storia e velocità

Formula 1

Michele Merlino

GP di Monza (Foto: Getty)

Nel weekend si correrà il 14esimo appuntamento del mondiale di Formula 1 sul circuito di Monza. Ecco perché la pista brianzola è il vero tempio della velocità

GP d’Italia è in diretta su Sky Sport F1 e Sky Sport Uno e in streaming su Skysport.it. La gara domenica 2 settembre alle 15.10 (pre dalle 13.30)

IL GRAN PREMIO DI MONZA IN LIVE STREAMING

INTERVISTA ESCLUSIVA A VETTEL ‘L’ITALIANO’: “RITIRARMI IN FERRARI? PERCHE’ NO”

CLASSIFICHE - CALENDARIO

Quello di Monza è in assoluto il circuito che ha ospitato più GP valevoli per il mondiale di Formula 1. Questo weekend infatti si terrà il 68° GP d’Italia, da sempre corso sul tracciato brianzolo, ad eccezione del 1980, quando la gara si disputò ad Imola.

Monza, tra i circuiti permanenti in calendario, è l'autodromo con più storia, essendo stato costruito nel 1922, precedendo il Nurburgring, ultimato nel 1927; Spa, non permanente, iniziò l'attività nel 1922, ma era ricavato dalle strade statali che collegavano Malmedy, Stavelot e Francorchamps.

Il tempio della velocità

La più veloce…

La pole più veloce della storia della Formula 1 è stata realizzata proprio a Monza da Barrichello nel 2004, con una velocità media di 260.395 km/h. Questo è anche l’unico caso in cui una pole è stata più veloce di 260 km/h.

Appartiene a Monza anche la vittoria più veloce della storia della Formula 1 e risale al 2003 quando Schumacher concluse la gara con una velocità media di 247.585 km/h. L’anno successivo, Barrichello fece registrare il giro più veloce della storia in gara a 257.320 km/h (1’21”046).

Le velocità massime sul rettilineo

Questi valori sono stati i più elevati nella storia della Formula 1 (considerando solo l’era del cronometraggio elettronico, iniziata nel 1982) fino al GP del Messico 2016, quando Valtteri Bottas stabilì il nuovo primato assoluto con 372,5 km/h.

Le ultime pole a meno di…

200 km/h: nel 1954, Fangio fece registrare il giro più veloce in qualifica su Mercedes con una velocità media di 190.588 km/h

210 km/h: Laffite sulla sua Ligier ottenne la pole girando ad una velocità di 206.018 km/h di media

220 km/h: La pole position di Vettel nel 2008, sotto la pioggia, venne registrata con una velocità media di 213.774 km/h

Le ultime gare a meno di…

200 km/h: era il 1976 e Ronnie Peterson con la March girò a 199.7 km/h.

210 km/h: Alain Prost nel 1981 chiuse la gara a 209.045 km/h di media con la Renault

220 km/h: nel 2008 Vettel girò a 212.039 km/h di media in una gara caratterizzata da pioggia e safety car. Prima vittoria in carriera per il pilota tedesco al volante della Toro Rosso.

Curiosità

Il podio del 2008 del GP di Monza (Vettel, Kovalainen, Kubica) è il più giovane della storia della Formula 1 (23 anni, 11 mesi, 16 giorni).

Monza è una vera e propria pista “maledetta” per i piloti finlandesi che, pur avendo condotto la gara per un totale di 13 occasioni con Hakkinen, Raikkonen, Keke Rosberg, Salo, Kovalainen e Bottas, non sono mai riusciti a vincere.

Italiani (non) profeti in patria: l’ultima vittoria di un pilota tricolore sul circuito di Monza risale al 1966 con Scarfiotti. L’ultima pole italiana è invece di Teo Fabi del 1986.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche