Formula 1, Hamilton campione se: in Messico il secondo match point del Mondiale

Formula 1

Al britannico della Mercedes basterà un settimno posto nel prossimo Gran Premio per conquistare il quinto titolo della sua carriera. I Messico si laureò campione anche nel 2017. Vettel è obbligato a vincere per provare a rimandare ulteriormente la festa di Lewis

LE CLASSIFICHE DEL MONDIALE

LE REPLICHE DEL GP USA SU SKY 

La Ferrari di Kimi Raikkonen ha vinto il Gran Premio degli Stati Uniti. Il pilota finlandese è arrivato davanti a Max Verstappen su Red Bull e Lewis Hamilton su Mercedes. Grande rimonta di Sebastian Vettel, finito in fondo al gruppo per un testacoda e arrivato quarto: per Hamilton la festa Mondiale è dunque rimandata. La prossima settimana, in Messico, il pilota della Mercedes avrà a disposizione il secondo match point per aggiudicarsi il quinto titolo della sua carriera.

Lewis campione se... 

Al 33enne britannico, sul tracciato di Città del Messico, basterà arrivare 7°. Non ci sono altre combinazioni. Per ostacolare ancora la festa Mercedes, Vettel è obbligato a vincere e, come detto, Hamilton deve fare 7°. Un piazzamento che per il driver di Stevenage appare più che possibile dando un occhio ad un dato della gara di Austin: il 7° classificato in Texas, Sainz su Renault, è arrivato a più di un minuto e mezzo dallo stesso Hamilton.

Messico, come un anno fa

Se dovesse laurearsi campione Messico, Hamilton bisserebbe quanto fatto un anno fa sullo stesso tracciato. Era il 29 ottobre del 2017, infatti, quando l'inglese vinse il suo 4° Mondiale al termine di una gara condizionata da un contatto in partenza con Vettel. In quell'occasione Hamilton chiuse 9° e il ferrarista 4°. Sul podio Verstappen davanti a Bottas e Raikkonen.

I più letti