Formula 1, Sky Spy: Ferrari, la tessera mancante

Formula 1

Sky Spy

È davvero tutto pronto in casa Ferrari per affrontare il Mondiale 2019? Si, ma mancherebbe un’ultima tessera da incastrare nel mosaico dell’organigramma del Cavallino. Un tassello atteso a breve a Maranello

LA MERCEDES SI SVELA

IL CALENDARIO DELLE PRESENTAZIONI

Quando SkySpy spenge il microfono, si accendono le rivelazioni. È il gioco delle parti: guai esporsi in Formula 1, ma se viene garantito l’anonimato allora emergono storie decisamente interessanti. Il copione si è riproposto qualche giorno fa, in uno dei contesti abitudinari per chi segue il Mondiale: la lounge di un aeroporto. L’inizio del 2019 ha avuto un indiscusso argomento principe, ovvero il ribaltone ai vertici della Ferrari, che ha determinato la nomina nel ruolo di team principal di Mattia Binotto. Una persona che conosce Maranello nelle sue fessure più remote, è però convinta che le novità non siano ancora terminate.

“Binotto è una persona con grandi doti – attacca il nostro informatore – sia sul fronte tecnico che su quello organizzativo. Sa molto bene che la mole di lavoro che lo attende è maggiore rispetto a quella già impegnativa che ha dovuto affrontare nelle ultime due stagioni, e non lascerà nulla al caso”. Cosa intende dire? “Che si rinforzerà quanto prima, ed arriverà una figura di grande peso ed esperienza. A Binotto serve la tranquillità per gestire la squadra nel suo insieme, e anche per potersi occupare delle complicate discussioni in corso con FIA e Liberty Media per la definizione dei regolamenti 2021. Un tavolo importante, che richiederà tempo e lavoro”.

Quindi? “Credo che arriverà un tecnico che possa consentire a Mattia di delegare il lavoro senza preoccupazioni, una persona fidata con esperienza, in grado di essere subito operativa. Io un’idea ce l’ho…ma mi fermo qui”. La campagna di rafforzamento della Ferrari 2019 sarebbe quindi ancora aperta, ed un colpo importante sarebbe in arrivo. Il tutto a due settimane dalla presentazione della monoposto 2019 e a meno di venti giorni dai primi test stagionali. A Maranello il tempo stringe, ma nulla vuole essere lasciato al caso.

I più letti