Formula 3, GP Italia: Robert Shwartzmann vince a Monza e allunga in classifica

Formula 1

Lucio Rizzica

Altra vittoria per il russo, che a Monza precede Armstrong e Daruvala in gara-1. Il pilota della Ferrari Academy allunga sui rivali in classifica generale. Paura per l'australiano Peroni, illeso dopo un incidente spaventoso

IL GRAN PREMIO DI MONZA LIVE

Troppo rischio a Monza nelle qualifiche di Formula 3. Troppi piloti ad attendere il traino giusto e rallentare in pista fino a creare un gruppone pericolosissimo, quasi un muro in movimento davanti a chi volesse lanciarsi. La Fia è intervenuta comunicando che "The session was stopped for safety reasons‍" e ha esposto la bandiera rossa. Nel post gara pugno pesante per almeno metà griglia e penalizzazioni per tutti. Schieramento di partenza dunque sconvolto, con Lundgaard in ogni caso a conservare la pole position. Al via di gara 1 parte benissimo Zendeli dalla prima fila e prende la testa della corsa davanti al danese. Nei primi due giri i migliori cercano di risalire il gruppo, le tre Prema molto aggressive arrivano immediatamente alle spalle dei due battistrada a suon di sorpassi. Alla fine della terza tornata si toccano Lunfgaard e Zendeli, ne fa le spese quest'ultimo che fora la posteriore sinistra, mentre Lundgaard tamponandolo danneggia l'alettone anteriore. Al sesto giro Daruvala e Shwartzmann si sfiorano e l'indiano rischia grosso. Lundgaard è costretto a rientrare per questioni di sicurezza, Vips è solo 14°, le tre Prema nei primi quattro posti, con il solo Verschoor a ostacolarle si avviano a uno sprint per il titolo finale tutto interno alla scuderia italiana. Mentre Shwartzmann segna il giro veloce, Vips tampona Andres e rompe la sospensione anteriore sinistra. Anche per lui la lotta per il successo finale diventa adesso una vera e propria chimera. Entra in pista la safety car, dunque, poco dopo un terzo di gara, il gruppo viene così ricompattato. Al 12° giro, poco oltre la boa della corsa, le tre Prema sono in testa a guidare il gruppo e 'darsi battaglia tra loro'. Intanto Leonardo Pulcini, partito ventisettesimo in penultima fila, è risalito fino in zona punti, attaccato da Fewtrell e Sargeant. Al 14° giro vengono risolti i problemi al DRS e finalmente i piloti possono utilizzarlo. Mentre c'è battaglia fra le tre Prema davanti, dietro Deledda va in testa coda e Beckmann fora. A tre giri dal termine viene mandata in pista ancora la safety car a causa di un incidente tanto spettacolare quanto terribile, con la Campos di Peroni che letteralmente decolla a una decina di metri di altezza e dopo tre volteggi spaventosi va ad atterrare sulle recinzioni esterne al tracciato, capovolta. Per fortuna l'Halo e l'airscoop fanno il proprio dovere fino in fondo e dopo pochi minuti il pilota esce illeso dalla sua monoposto, facendo tirare a tutti un gran sospiro di sollievo, ma rivedere le immagini mette i brividi e fa riflettere una volta di più sull'effetto combinato di aerodinamica, dissuasori, velocità, fondo e soprattutto fortuna, quella che Anthoine Hubert non ha avuto appena una settimana fa a Spa. Arrivano in parata dietro la safety car le tre Prema. Nell'ordine passano le rosse di Shwartzmann, Armstrong e Daruvala. Il russo sale così a quota 179 punti in classifica e allunga il divario dai compagni di squadra, mettendo una seria ipoteca sul successo finale. Domani in gara 2 partirà davanti a tutti Lawson, per effetto della inversione in griglia dei primi otto al traguardo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche