Formula 1, GP Singapore. Leclerc: "Siamo motivati", Vettel: "Ce la giocheremo"

Formula 1

I protagonisti del team Ferrari presentano il GP di Singapore. Leclerc: "Pochi rettilinei e curve lente potrebbero complicarci la vita, ma siamo molto motivati". Vettel: "Amo questa pista, ci servirà un maggior carico aerodinamico". Binotto: "Porteremo alcune componenti nuove, per colmare il gap dagli avversari"

GP SINGAPORE, LA DIRETTA DELLA GARA

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY

La Formula 1 lascia l’Europa, con destinazione il continente asiatico. Il prossimo GP si corre infatti a Singapore, cornice suggestiva essendo l’unica gara in notturna. L’attenzione è sulla scuderia che ha trionfato negli ultimi 2 appuntamenti, la Ferrari, e soprattutto sul pilota che a 22 anni ancora da compiere ha conquistato una entusiasmante doppietta (Spa e Monza). Il nome sulla bocca di tutti, infatti, è quello di Charles Leclerc, capace di eguagliare mostri sacri del calibro di Collins, Arnoux, McLaren e Ascari, per aver centrato le prime due vittorie in ‘back-to-back’. Il terzo successo lo affiancherebbe a gente come Hill e Hakkinen.

Leclerc: "Singapore circuito difficile, ma unico"

Charles dimostra calma e lucidità, nell’analizzare il prossimo GP sul sito ufficiale della Ferrari: "Singapore è forse la gara più difficile da affrontare per un pilota, per temperature e umidità. Dal mio punto di vista rimane un fine settimana unico, anche per il fatto che si corre in notturna. Non vedo l’ora di girare lì. Dopo due vittore, a Spa e Monza, questo circuito può essere ostico per la nostra vettura: pochi rettilinei e curve lente potrebbero complicarci la vita. Ma siamo molto motivati ad ottenere il miglior risultato possibile".

Vettel: "Amo Singapore. Mi giocherò le mie carte"

I numeri dicono che sul circuito di Marina Bay la Ferrari non vince dal 2015, quando Vettel centrò la doppietta pole-vittoria. Proprio Sebastian ha voglia di riscatto dopo il tredicesimo posto – dovuto ad un errore individuale – ottenuto a Monza. Il tedesco dimostra ottimismo per il GP di Singapore: "Amo molto la pista di Singapore: è un circuito cittadino con asfalto connesso, che riduce al minimo la possibilità di errore. Ci servirà il massimo carico aerodinamico. È un appuntamento particolare, perché tutti noi siamo abituati agli orari europei. Pronostico? Impossibile farne, perché ci sono tante variabili in gioco. Noi abbiamo voglia di giocarci le nostre carte. Non saranno due settimane facili per il nostro team, visto che nel prossimo weekend ci sarà il GP in Russia".

Binotto: "Sarà un weekend divertente"

In linea con le parole dei piloti anche le dichiarazioni di Matteo Binotto, team principal Ferrari: "Le ultime due vittorie hanno fatto bene a noi e ai nostri tifosi. Ma questo è ormai il passato, ora tutti noi siamo concentrati su Singapore, dove il circuito è decisamente diverso rispetto a quello di Spa e Monza, e le cui caratteristiche non sono molto confacenti alla nostra vettura. Porteremo alcune componenti nuove, per colmare il gap dagli avversari su piste che, come questa, presentano curve lente. In più ritroveremo le mescole più morbide della Pirelli (le Hypersoft), avute a disposizione l’ultima volta nel GP di Canada. Nel complesso, Sebastian e Charles amano questo circuito, che si presenta a risultati imprevedibili: ci aspettiamo un weekend movimentato e divertente".

I più letti