Formula 1, Sky Spy: Vettel, ecco l'offerta della Ferrari

Sky Spy

La Ferrari ha presentato al tedesco un’offerta di rinnovo, ma per il solo 2021 e con una drastica riduzione dell'ingaggio. Ora la palla è nelle mani di Sebastian

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

BINOTTO A SKY: COSA POTREBBE CAMBIARE IN F1 ALLA RIPARTENZA

Tutto è fermo in Formula 1, eppure sottotraccia qualcosa si muove. Ad essere bloccati dallo ‘shutdown’ deciso congiuntamente da FIA, Liberty Media e squadre (che hanno anticipato a queste settimane la tradizionale chiusura estiva) sono tutti i dipartimenti tecnici, le sedi sono chiuse e le attività congelate. Ma anche in un periodo di riposo forzato, i telefoni squillano; si parla di prospettive di ripresa, di futuro, ma anche di mercato piloti.

I primi colloqui Vettel-Ferrari

All'indomani della trasferta di Melbourne, la Ferrari ha iniziato i colloqui con Sebastian Vettel per valutare un possibile proseguimento del rapporto di collaborazione iniziato nel 2015. Con Charles Leclerc confermato fino al termine del 2024, a Maranello hanno messo una base importante per pianificare il futuro, ma resta da decidere chi sarà ad affiancare il monegasco a partire dal prossimo anno.

Le differenze rispetto al 2017

“Sebastian è la nostra prima opzione”, ha più volte sottolineato Mattia Binotto, ed in effetti è da Vettel che sono iniziate le trattative. Lo scenario attuale è però ben diverso da quello del 2017, che consentì a 'Seb' di trattare con Sergio Marchionne un rinnovo per tre stagioni con una cifra complessiva di 100 milioni di euro. Allora Vettel era indiscutibilmente il leader della squadra, con un rendimento molto superiore al compagno di squadra Kimi Raikkonen. Oggi la situazione è diversa, un cambiamento che ha preso forma lo scorso anno quando Leclerc si è confermato in grado di ridimensionare il quattro volte campione del Mondo.

L'offerta della Ferrari

Diversa la situazione e diversa l'offerta messa sul tavolo dalla Ferrari, che ha proposto a Vettel il rinnovo per un solo anno ad una cifra molto inferiore rispetto a quella che il tedesco ha percepito da quando è a Maranello. Ora la palla è in mano a Sebastian, che dovrà decidere se dar retta all'orgoglio (rifiutando quello che di fatto è un ridimensionamento importante) o metterlo da parte e cogliere un'opportunità comunque importante per puntare ad una rivincita.

Gli scenari

La pausa attuale non depone a favore di Vettel, perché un'eventuale ottima stagione 2020 avrebbe potuto giocare a suo favore, ma a motori spenti si resta fermi sui riscontri dello scorso anno. La Ferrari non ha comunque fretta, sa di avere dietro la porta almeno tre piloti pronti a fare le valigie in direzione Maranello (Daniel Ricciardo, Carlos Sainz e Antonio Giovinazzi) e può permettersi di attendere fino all'estate se non oltre. Ma per Vettel tirare in lungo potrebbe essere un problema qualora caso decidesse di valutare seriamente un piano 'B'. 

Solitamente il mercato segue l'ordine di importanza dei team, ovvero prima si sistemano le squadre di vertice e successivamente le altre in cascata, ma non è una garanzia al 100% di poter contare su una valida alternativa nel caso di un addio a Maranello. I prossimi saranno mesi importanti per Vettel, c'è in ballo il suo futuro senza avere l'opportunità di rispondere in pista a chi lo vede in piena parabola discendente. Per la prima volta in carriera, Seb si trova ad affrontare una trattativa senza avere il coltello dalla parte del manico, e la sua scelta finale dirà molto su come Vettel, a 32 anni, vede il suo futuro.

FORMULA 1: SCELTI PER TE