Formula 1, GP Ungheria: tutti i numeri e le curiosità sulla vittoria di Hamilton

Formula 1

Michele Merlino

Vince a Budapest e per la seconda settimana consecutiva fa bottino pieno. Il campione in carica non sembra mai sazio e già vola nel primo scorcio di Mondiale: lo dicono i numeri e le "briciole" lasciate agli altri all'Hungaroring. La Formula 1 torna il 2 agosto a Silverstone: diretta Sky Sport F1 (canale 207)

GLI HIGHLIGHTS - LE CLASSIFICHE DEL MONDIALE

Il weekend perfetto di Lewis Hamilton, un altro. E tutto è cominciato dal sabato, con la 90^ pole in carriera, la settima in Ungheria, ad eguagliare il record di Michael Schumacher. Per lui anche la nona prima fila sul circuito magiaro, un valore unico: lascia il suddetto Schumi a 8. A scortarlo nella sua impresa, Bottas: la sua 28^ prima fila consente alla Mercedes di salire a quota 65 prime file complete, tante quante la Ferrari, al primo posto di tutti i tempi.

Comincia in qualifica e... prosegue in gara

Ottava vittoria in Ungheria: un numero importante. E’ la prima volta che vince 8 volte in un solo tracciato, ma questo valore gli permette di eguagliare due record: nella storia della Formula 1 solo Schumacher era riuscito a vincere  8 volte in un circuito, Magny Cours, ottenendo il record nel 2006. L’ottava vittoria è ovviamente un record anche per l’Hungaroring, ma c’è di più: nessuno finora, nelle 34 edizioni corse qui, era riuscito ad infilare tre vittorie consecutive. Per completare l’en-plein, il 9° podio in Ungheria: eguaglia il record di Raikkonen, ed il giro veloce, che gli consente l’”hat-trick”, il 16° in carriera. Curiosamente, Hamilton in precedenza aveva messo a segno 47 giri veloci in carriera, ma questo è il primo all’Hungaroring.

Le briciole per gli altri

Verstappen, miracolato dai suoi meccanici, in grado di riparare un danno importante alla sospensione anteriore sinistra a pochi minuti dal via, registra il 33° podio in carriera (il suo numero di gara), eguagliando i campioni del mondo Denny Hulme e Jody Scheckter al 27° posto di tutti i tempi, mentre Bottas è al 48° podio, gli stessi di Berger, alla 16^ piazza.

L’anomalia Racing Point

La gara con l’avvio bagnato ha, ancora una volta, mascherato il potenziale delle Racing Point, che tuttavia si è manifestato appieno in qualifica, quando le vetture rosa hanno conquistato la seconda fila. La prestazione è già di per sé straordinaria, considerando che in precedenza tra Force India e Racing Point si era registrata solo un’occasione con entrambe le vetture nei primi 4 in qualifica, Belgio 2018, ma è ancora più eclatante se si considera che nelle ultime due stagioni le Racing Point/Force India erano state sempre eliminate in Q1 qui in Ungheria…

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche