Formula 1, Wolff sul nuovo Patto della Concordia: "Mercedes vittima, così non firmiamo

Formula 1

Le parole del direttore esecutivo di Mercedes sono una frenata verso la firma del nuovo Patto della Concordia, intesa per la gestione degli introiti commerciali tra i team: "Noi i più penalizzati, non siamo stati trattati come avremmo meritato. Quanto siamo lontani? Dipende dalle altre parti". Il GP dei 70 anni della F1 in diretta Sky Sport F1 (canale 207) e Sky Sport Uno (canale 201)

GP 70 ANNI F1: LA DIRETTA DELLA GARA

“La Mercedes è la vittima più grande. La Ferrari ha mantenuto la sua posizione di vantaggio. Per quanto riguarda la Red Bull, invece, può bilanciare con l’Alpha Tauri". parla di fatturati e Patto della Concordia il direttore esecutivo della Mercedes, Toto Wolff, che nel venerdì di "Silverstone 2" ha lanciato un chiaro segnale o comunque provocazione: "Non siamo stati trattati come avremmo meritato, non mi sento pronto a firmare il Patto della Concordia. Quanto siamo lontani dalla firma? Dipende dalle altre parti".

Ma che cos'è il Patto della Concordia?

Si tratta dell'accordo finalizzato a gestire gli introiti commerciali, il loro trattamento e la loro suddivisione tra le squadre del Mondiale di Formula 1. L'ultimo è datato 2013, il successivo scadrà a fine 2020 e la firma è imminente. Ma alla luce delle parole di Woff, oggi è più opportuno dire che sembra imminente.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche