Vettel-Ferrari: rapporto ormai compromesso. Le ultime news di F1

Formula 1
Mara Sangiorgio

Mara Sangiorgio

Rapporto compromesso tra il pilota tedesco e la Ferrari. Seb si sente sfavorito rispetto a Leclerc. La luce si è spenta dopo il mancato rinnovo di contratto

GP SPAGNA, LA DIRETTA DELLE PROVE LIBERE

E' un rapporto ormai compromesso quello tra Sebastian Vettel e la Ferrari. Come totalmente compromessa è stata la sua gara a Silverstone dopo il testacoda in partenza. Un errore e nient'altro: non ci ha pensato due volte Mattia Binotto a rispondere al nervosismo e alle insinuazioni del tedesco sul fatto di essere stato sfavorito rispetto al compagno nelle strategie. Senza quell'ennesimo testacoda anche la domenica di Vettel sarebbe stata diversa. Invece Charles Leclerc continua a brillare e guidare sopra i problemi, lui proprio non riesce creandosi ulteriori difficoltà. Sono i numeri a fotografare in maniera eloquente la situazione: il monegasco in classifica è quarto a 45 punti, il tedesco è fermo a 10. Due podi contro zero. Anche la collezione di errori e incidenti da quando Vettel è in Ferrari è arrivata ormai a quota 23, contro le 14 vittorie. Nervoso e falloso: da quando ha debuttato in Formula Uno nel 2007 questo è decisamente il momento più difficile della sua carriera. E' come se dopo la decisione della Ferrari di non rinnovargli il contratto a maggio si fosse spenta definitivamente la luce insieme alla fiducia nella squadra. Complice ovviamente una monoposto con evidenti problemi che lui non sente sua e che proprio non riesce né a guidare né a difendere. La situazione scomoda lontani ricordi, e riporta a quel 1991 quando Alain Prost fu licenziato dalla Ferrari prima che la stagione terminasse per averla definita un camion. La tensione c'è, come i punti di vista e le dichiarazioni contrastanti. Per proseguire, e farlo insieme, serve ritrovare in parte fiducia e lucidità.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche