Formula 2, Zhou vince la Sprint 2 ad Abu Dhabi. Tutti i risultati

FORMULA 2

Lucio Rizzica

f2_zhou_sprint_2_abu_dhabi

Nella seconda sprint del sabato di Abu Dhabi, vittoria per il cinese che il prossimo anno sarà in Formula 1 per far coppia con Bottas in Alfa Romeo. Sul podio anche Shwartzman e Bochung. Piastri si era laureato campione 2021 nella gara precedente. Tutto il weekend di Yas Marina live su Sky Sport F1 (canale 207)

FORMULA 2, PIASTRI VINCE IL TITOLO 2021

Oscar Piastri è il campione 2021 di Formula 2: ha chiuso la pratica ad Abu Dhabi già in gara 1, tagliando il traguardo al terzo posto, dopo aver conquistato venerdì anche la quinta pole position consecutiva. Il cinese Zhou ha confermato il proprio disimpegno dal via in avanti, Shwartzman, il russo compagno di squadra di Piastri in Prema, ha provato inutilmente a tenere aperto il campionato ancora per un po'. Per effetto dell’inversione dei primi dieci al traguardo, in Gara 2 artono davanti Armstrong e Boschung. Ciò premesso, la Sprint 2 e la Feature di domenica valgono oramai solo per le statistiche.

La partenza delle Sprint 2

Al via, partono lenti, nel primo giro si sfiorano prima Pourchaire e Piastri, poi Piastri e Lawson, Piastri e Doohan. Ma in testa rimane Armstrong, davanti a Boschung e Zhou, mentre il campione 2021 scivola in 14° piazza. Shwartzman è quinto. Al terzo giro Zhou è secondo, Shwartzman quarto e Piastri tredicesimo. Davanti Armstrong fa la gara e segna il giro veloce. Alla quarta tornata Caldwell prende in pieno Deledda, che lo aveva superato, e per l’italiano la gara finisce qui. 

Virtual Safety Car e poi Safety Car in pista

leggi anche

Titolo F2 a Piastri: come Leclerc e Hamilton

Il gruppo si ricompatta. A Piastri vengono intanto comminati 5” di penalità. Dopo la partenza lanciata Piastri entra in contatto con Nissany e Vips e finisce fuori. Fermi il campione 2021 e Vips. Gara finita per loro. Ancora Safety Car. Piastri esce dall’abitacolo, per l’australiano cinque contatti in sette giri e mai così tanta distrazione: forse ha festeggiato troppo prima della corsa. Altra bandiera verde. Armstrong fa l’elastico, prende vantaggio, scatta, ma poi dopo poche curve è costretto a fermarsi: la macchina non va più. Virtual Safety Car. 

Fino alla bandiera a scacchi

In testa Guanyu Zhou. Fosse stato questo l’andamento della Sprint 1, avremmo raccontato un altro finale di campionato. Invece al cinese adesso non serve più. Al verde Shwartzman sorpassa Boschung e apre la battaglia con Zhou per la piazza d’onore dietro il campione stagionale. Fra sorpassi e forature in mezzo al gruppo, i primi otto allungano. Zhou e Shwartzman lontani dal mucchio. Il russo molla a cinque giri dalla fine, lasciando campo libero al pilota cinese che in classifica generale accorcia a -17 dal pilota della Prema, complice anche il giro veloce di Nissany che in extremis toglie i due punti addizionali al vincitore. Domani alle 9.55 ultimo round stagionale, la Feature Race, sulla distanza di 33 giri e con un pit stop obbligatorio. Ultimo appuntamento anche per il format a tre manches visto quest’anno.